Tornado negli States: almeno 38 morti

Gli abitanti erano in lutto domenica in alcuni Stati del Midwest americano, dopo i tornado devastanti che hanno provocato la morte di 38 persone e distrutto alcune località. I circa 80 tornado che hanno colpito buona parte del Midwest, hanno colpito in maniera particolarmente intensa il Kentucky e  l’Indiana, ma anche l’Ohio, il Tenesse e l’Illinois due giorni dopo il passaggio di alcuni tornado che hanno già ucciso 13 persone mercoledì. Abitazioni interamente distrutte, scuole rase al suolo edifici pubblici danneggiati strade interrotte e linee elettriche tagliate segnalate un po’ ovunque.

Il presidente Barack Obama ha chiamato i governatori dell’Indiana, del Kentucky e dell’Ohio per presentare le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime colpite dal tornado, secondo quanto riportato da un comunicato della casa bianca. Obama ha inoltre comunicato che l’agenzia di gestione di crisi (FEMA) è pronta a fornire qualsiasi aiuto richiesto. Nel Kentucky 19 persone sono morte e 300 ferite secondo il governatore Steve Beshear, che ha dichiarato di “non aver mai visto una devastazione di tale ampiezza”. Le intemperie in questo stato hanno provocato moltissimi danni e lasciato senza elettricità moltissime persone. Nell’Indiana hanno perso la vita 14 persone ha comunicato il governatore Mitch Daniels mentre a Henry Ville delle piccole località sono state interamente spazzate via ma secondo le autorità locali la località maggiormente colpita è nel Sud Ovest dell’Indiana.  Brandy Robbins ha dichiarato su l’emittente Fox News “ che a volte colpiscono due volte”, lasciando presagire un possibile ritorno del tornado. Le condizioni metereologiche hanno provocato l’arrivo di questi tornado alla fine di febbraio, molto presto rispetto alla consueta situazione in queste zone. I tornado hanno provocato la morte di 545 persone nel 2011 negli Stati Uniti, un record dal 1936, secondo il servizio nazionale di meteorologia.  

Manuel Giannantonio

5 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook