New York: la polizia sfida il sindaco de Blasio

New York: la polizia sfida il sindaco de Blasio

Un gruppo di poliziotti, tra le migliaia giunti da tutti gli Stati Uniti per i funerali di un collega assassinato, ha ancora una volta sfidato il sindaco di New York, al quale rimproverano la mancanza del suo appoggio

4badbbee-5680-4df1-bbea-c722f846a1b0-620x372New York City – Un gruppo di poliziotti composto di una decina di agenti, tra le migliaia giunti da tutto il paese per assistere ai funerali di Oweniani Liù, hanno simbolicamente voltato le spalle al maxischermo che visualizzava il sindaco della grande mela nel momento in cui prendeva la parola.
Il 20 dicembre, Wenjian Liu e Rafael Ramos sono stati uccisi da uno squilibrato che ha sparato loro a bruciapelo, con l’intento di vendicare la morte di due afroamericani disarmati uccisi dalla polizia la scorsa estate.

Il 27 dicembre, centinaia di poliziotti hanno già assunto questo comportamento nei confronti del primo cittadino durante i funerali di Rafael Ramos. Il gesto, ha inevitabilmente creato tensioni tra il sindaco e le 34 000 persone, uomini e donne, appartenenti al corpo di polizia.

Il sindaco de Blasio aveva sostenuto le manifestazioni, che in tutto il paese, denunciavano il razzismo proliferato dalla polizia. Un’iniziativa mal digerita dal dipartimento delle forze dell’ordine. Alcuni agenti non gli hanno perdonato le parole pronunciate al figlio, riportate dai media, con le quali, gli avrebbe spiegato di stare attento nelle sue interazioni con la polizia. Questa dichiarazione è suonata come un’accusa di colpevolezza ai poliziotti, colpevoli di esercitare un certo razzismo nei confronti di soggetti afroamericani o ispanici poiché il figlio di de Blasio è di colore.

In qualità di sindaco, Bill avrebbe dovuto sostenere i suoi poliziotti, prima di qualsiasi verdetto che comprovi l’effettiva colpevolezza. Inutile dire che era lecito aspettarsi la reazione del dipartimento. Ora per de Blasio, i rapporti con la polizia sono irrimediabilmente tesi, e in una città come New York, dove è essenziale garantire la sicurezza, questa crepa gli procurerà senz’altro grattacapi non indifferenti.

Di Manuel Giannantonio
([email protected])
2 Gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook