Siria: Onu adotta risoluzione contro Assad

Ieri l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione di sostegno al piano delle Lega Araba che aveva chiesto al presidente siriano Bashar al-Assad di farsi da parte.
La risoluzione evidenzia come l’Assemblea dell’Onu sostenga pienamente  il piano della Lega Araba volto a fermare la repressione violenta che sta avendo luogo in Siria da oltre 11 mesi e che ha il solo scopo di fermare le rivolte anti-Assad. L’assemblea chiede inoltre al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, di nominare un inviato speciale per la Siria.

L’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Susan Rice, in un comunicato ha definito questa decisione come: “un messaggio chiaro al popolo della Siria: il mondo è con voi. Una schiacciante maggioranza di Stati membri dell’Onu ha sostenuto il piano presentato dalla Lega Araba per mettere fine alle sofferenze dei siriani. Bashar al-Assad non è mai stato più isolato”.
La risoluzione ha visto 137 voti favorevoli e 12 contrari, con 17 astensioni, Russia e Cina si sono dette ancora contrarie alla risoluzione ma questa volta non hanno potuto esercitare il diritto di veto in quanto lo si può esercitare solo in Consiglio e non in Assemblea generale. È pur vero che hanno più forza legale le risoluzioni adottate dal Consiglio.
La risoluzione dell’Assemblea Generale dell’Onu, ha come ipotizzabile scatenato un nuova ondata di violenza repressiva. Sotto attacco è ancora Homs, bombardata da 14 giorni, hanno perso la vita centinaia di persone innocenti. La media è di 4 razzi al minuto rivolti contro case e palazzi della città.

Enrico Ferdinandi

17 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook