Iran: annunciate 3mila centrifughe e 4 reattori nucleari

La televisione di stato iraniana ha dato la notizia quest’oggi della volontà del presidente Mahmud Ahmadinejad di costruire quattro nuovi reattori destinati alla produzione di radio-isotopi per i malati di cancro. Nei piani di Teheran ci sarebbe anche l’aumento delle centrifughe nel sito nucleare di Natanz dove ce sono già 9mila e se ne vorrebbero costruire altre 3.000: “Oramai la nostra capacità di produzione di uranio al 3,5% a Natanz è aumentata del 50%”, ha affermato Ahmadinejad.

Ricordiamo che entro marzo l’Iran dovrà presentare il proprio piano nucleare all’Aiea (organo di controllo sul nucleare dell’Onu), piano che dovrebbe far meglio comprendere se le ricerche nucleari sono volte a scopi civili, come Ahmadinejad sostiene da mesi, o militari, come invece sostengono molti paesi, in testa Usa, Israele e molti membri Ue come Gran Bretagna e Francia.
Dall’ultimo rapporto che l’Aeia pubblicò lo scorso novembre risultò che l’Iran era in grado di produrre già 150 kg di uranio arricchito al 3,5%, cifra che oggi potrebbe esser decisamente più alta visto che sono state aperte nuove centrali. Nuove centrali inoltre sono in arrivo, il capo del programma nucleare Fereydoun Abbassi Davani ha affermato che nel 2012 l’Iran inaugurerà una nuova fabbrica di produzione di yellowcake.
Mentre l’ultimatum di marzo si avvicina (e i media sembrano averlo scordato) la tensione a livello internazionale cresce intorno alle prese di posizione forti dell’Iran e della vicina Siria.

Enrico Ferdinandi

15 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook