Brasile: carnevale a rischio

I poliziotti di Rio di Janeiro si sono riuniti nella notte di giovedì a venerdì per lo sciopero insieme ai colleghi di Salvador de Bahia, minacciando il corretto svolgimento del carnevale ma le autorità hanno assicurato che l’esercito assicurerà lo svolgimento regolare e la sicurezza della manifestazione. Nella notte centinaia di poliziotti e di pompieri hanno votato nel corso di un assemblea generale uno sciopero per ottenere un aumento del salario percepito, associandosi al movimento lanciato nove giorni fa dalla polizia di San Salvador di Bahaia(Nord-Est) mentre il parlamento di Rio ha votato giovedì una legge che accertava l’aumento  progressivo dello stipendio del 39%.

Venerdì mattina la situazione era calma nelle strade di Rio, seconda città del paese brasiliano, mentre lo sciopero di Salvador ha provocato un ondata di violenza che ha generato la morte di 160 persone in una settimana. Il segretario della difesa civile di stato, il colonello Sergio Simoes, aveva detto durante la notte che 14.000 militari erano pronti a garantire la sicurezza per le strade di Rio. Il comandante della polizia militare di Rio a tuttavia smentito venerdì che la polizia era in sciopero, cercando di rassicurare la popolazione a otto giorni dal carnevale, una delle più grandi feste di strada di tutto il globo. ”Un gruppo di poliziotti è in sciopero, ma sono una minoranza (..) il carnevale avrà luogo normalmente, e per il momento, non c’è bisogno di impiegare le forze armate” ha chiaramente espresso il portavoce della polizia militare di Rio all’agenzia stampa. Un colonello, Federico Caldas ha precisato sulla radio CBN che 11 mandati di arresto sono stati confermati e emessi contro i principali dirigenti dello sciopero. “ Ci sarà una risposta contro i poliziotti che incrociano le braccia”, ha promesso il colonello. Un portavoce del movimento dello sciopero, il caporale Joao Carlos Gurgel ha dichiarato in una conferenza stampa: ” possono arrestarci ma noi imploriamo la popolazione di sostenerci per ottenere dei salari degni. Non credete a ciò che vi dicono non siamo vandali”. Il comandante ha affermato inoltre che la situazione è sotto controllo e che tutte le unità sono operative regolarmente secondo un comunicato. “Nessun servizio alla popolazione è paralizzato. La polizia militare ribadisce il proprio impegno a assicurare la sicurezza della popolazione di Rio di Janeiro” ha aggiunto il comandante. I carnevali di Rio e di Salvador, che riuniscono ogni anno milioni di persone devono iniziare la settimana prossima. “Quest’anno per la prima volta nella storia del brasile, noi saremo forse privati del carnevale nella nostra città” ha dichiarato un pompiere che ha partecipato all’assemblea generale di Rio. Il poliziotto militare Thiago Rodrigues dos Rei ha chiamato la popolazione a non uscire mentre il presidente Dilma Roussef, ha duramente criticato lo sciopero di Bahia. La polizia di Rio è una delle categorie più sottopagate del paese con un salario minimo di 1.200 reals, reclamano un aumento dello stesso, dei buoni pasto e buoni per il trasporto. Tra le proteste, non meno accesa quella per la detenzione del leader del sindacato dei pompieri, arrestato giovedì, Benevenuto Daciolo, accusato di intensificare l’ ammutinamento.  

Manuel Giannantonio

11 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook