Terremoto nelle Filippine: 43 morti, due sono bambini

Un violento terremoto di magnitudo 6,7 della scala Richter ha colpito le l’isola di Negros nelle Filippine alle 11.49 ora locale (le 4.49 in Italia) causando fin ora la morte di 43 persone, tra le quali due bambini. Almeno 29 i dispersi ufficiali. Secondo il Geological Survey americano il terremoto ha avuto epicentro in mare a una profondità di circa 20 chilometri ed in seguito vi sono state almeno 40 scosse di assestamento.

Uffici del governo e scuole sono state chiuse questa mattina, indigenti i danni a case, strade e ponti che hanno compromesso la viabilità nelle principali vie di transito. Le tv mostrano in queste ore persone nel caos che non si fidano a rimanere nelle case e per paura si riversano nelle strade in lacrime non sapendo dove andare o cosa fare.

Grande lavoro di soccorritori e volontari che stanno facendo il possibile per cercare le persone disperse sotto il fango e le macerie. Intanto è stato lanciato anche un allarme tsunami, livello 2, nelle province di Negros e Ceb.
Ricordiamo che le Filippine si trovano in quella che è definita “Cintura di Fuoco” un’area del pacifico caratterizzata da frequenti terremoti, pensate che il 90% dei terremoti mondiali viene da queste zone.

Virginio Sapio

6 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook