Russia: raggiunto l’accordo con Ucraina e UE sulla consegna del gas

Russia: raggiunto l’accordo con Ucraina e UE sulla consegna del gas

Employees stand near pipes made for the South Stream pipeline at the OMK metal works in Vyksa in the Nizhny Novgorod regionBruxelles – Le modalità dell’accordo dovevano essere precisate dal Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, e dai ministri russi e ucraini dell’Energia.
La Russia, l’Ucraina e l’Unione europea sono pervenute ad un accordo, giovedì 30 ottobre a Bruxelles, in vista della ripresa della consegna del gas russo per l’inverno. Il regolamento del debito di 3,1 miliardi di dollari si farà in due tranches. La prima immediata mentre l’altra è prevista per la fine dell’anno, secondo quanto riferito da una delle fonti interne che ha aggiunto: “Gli Ucraini hanno il denaro per pagare”.

L’accordo precede un prezzo di 385 dollari ogni 1 000 m3 per tutta la durata del contratto, che inizia da novembre e che si concluderà a fine marzo 2015. Il pagamento si effettuerà il mese successivo. Kiev voleva assolutamente ottenere la garanzia che questo prezzo non potesse subire variazioni durante la durata del contratto. L’Ucraina, che avrebbe bisogno in totale di 4 miliardi di m3, è riuscita nell’intento. Il prezzo dunque dovrebbe rimanere tale senza eventuali sorprese.
Presenti alla conferenza stampa del commissario europeo all’Energia, Günther Oettinger , che ha condotto le negoziazioni tra i Russi e gli Ucraini negli ultimi mesi, così come i patron dei fornitori Gazprom e Naftogaz (Ucraina). Le negoziazioni trilaterali, sospese nella notte tra mercoledì e giovedì, sono riprese la sera successiva.

Di Manuel Giannantonio
([email protected])
31 Ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook