UE: intensa attività aerea russa nel cielo continentale. NATO in allerta

UE: intensa attività aerea russa nel cielo continentale. NATO in allerta

f16-cacciaLa Russia inquieta sempre più la NATO. L’organizzazione infatti, ha annunciato, mercoledì sera, di essere “preoccupata” dopo un’intensa attività da parte dell’aviazione russa nei cieli europei. Preoccupata di comunicare, l’Organizzazione del trattato dell’Atlantico del Nord ha postato questa informazione sul proprio account twitter.
Negli ultimi due giorni, la NATO ha proceduto a diversi interventi aerei come pronta risposta a queste attività sospette. Degli aerei dell’alleanza sono decollati in quattro angoli diversi per missioni di intercettamento contro quattro gruppi di aerei russi “in manovra” nello spazio del mar Baltico, del mare del Nord e del mar Nero, come precistao in un apposito comunicato.

L’Alleanza ha dichiarato l’esecuzione di un‘attività su grande scala. Nessun riferimento esplicito è stato fatto per quanto concerne la crisi ucraina che ha provocato un’intensa tensione tra la Russia e gli occidentali. I paesi dell’est Europa membri della NATO, come i paesi baltici, le ex repubbliche sovietiche e la Polonia, hanno ottenuto l’invio di aerei da combattimento per rassicurarli. Secondo l’organizzazione sono stati intercettati 100 aerei militari russi nel 2014, ossia tre volte di più dello scorso anno.

Nella giornata di ieri, sono stati mobilitati aerei di tre paesi dell’Alleanza, dopo l’intercettamento di un gruppo composto da otto aerei russi in formazione sull’Atlantico. Sono stati identificati da velivoli danesi anche se due aerei in formazione non sono stati identificati. Sono quindi sopraggiunti velivoli dalla Royal Force Britannique per scortarli. Successivamente hanno passato il testimone ad alcuni aeri del Portogallo. Gli aerei militari russi sono ripartiti verso il Regno Unito dove i Norvegesi li hanno ripreso sotto il loro controllo.

Secondo la NATO, gli aerei russi non hanno rispettato un piano di volo, non avevano alcun contatto con le autorità civili e non comunicavano, un fatto grave poiché rappresenta un rischio potenziale per i voli civili. Un’altra operazione è stata realizzata dall’aviazione turca sopra il mar Nero per controllare un gruppo di quatto aerei russi. Anche la Germania è intervenuta per controllare sette aerei da combattimento appartenenti all’esercito russo in manovra sopra il mar Baltico.
La NATO impiega aerei per controllare qualsiasi velivolo intercettato dai radar che non ha comunicato il piano di volo nei cieli dell’organizzazione. Il segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg, in visita in Polonia ha commentato: “I Russi stanno semplicemente testando le nostre difese”.

Di Manuel Giannatonio
([email protected])
30 Ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook