Siria: missione osservatori rinnovata per un altro mese?

Domenica la Lega Araba sarà chiamata a valutare il rapporto degli osservatori, oggi però continuano gli scontri in Siria, fin ora si contano almeno 7 morti nelle regioni di Idlib e Deraa. Le forze di sicurezza di Damasco continuano le loro opere repressive nonostante i moniti arrivati da diverse nazioni, ultima fra tutte la Germania che ieri per voce della cancelliera Angela Merkel ha chiesto ad Assad di porre subito fine alle violenze. Per lunedì (sia in Siria che in Iran) sono intanto previste nuove sanzioni economiche.

Oggi anche Sarkozy è tornato a criticare quanto sta avvenendo nel paese mediorientale affermando che la Francia non rimarrà in silenzio di fronte allo scandalo della repressione in Siria, che ha trascinato: “l’intero Paese nel caos, agevolando estremisti di ogni tipo”. Contrario si è detto sempre il presidente francese all’ipotesi avanzata dal Qatar di un intervento armato panarabo in Siria.

Aggiornamento delle ore 18:05

Secondo una fonte che è voluta rimanere anonima la Lega Araba rinnoverà il mandato degli osservatori in Siria di un altro mese: più tempo per indagare meglio sulla condotta dell’esercito siriano o espediente per ritardare una presa di posizione nei confronti di Assad.
Per gli attivisti la seconda ipotesi è la più probabile. Ad render nota questa ipotesi un responsabile dell’organizzazione panaraba voluto rimanere nell’anonimato, che ha affermato: “La Lega araba rinnoverà il mandato della missione di osservatori in Siria invece di avallare la proposta del Qatar di inviare delle truppe per fermare le violenze. Allo stato dei fatti, tutto sembra indicare che la missione di osservatori in Siria sarà prolungata e che il numero degli uomini che ne faranno parte sarà portato a 300.”
Naturalmente non è stata ancora ufficializzata questa decisione, intanto il responsabile della missione, il generale sudenese Mohammed Ahmed Mustafa al Dabi, arriverà domani al Cairo per sottoporre il suo secondo rapporto sulla prima missione in Siria al numero uno della Lega, Nabil al Arabi.

Polemiche dal Consiglio nazionale siriano che ha fatto sapere che sta preparando  un contro-rapporto sulla missione degli osservatori in Siria, missione rea di non esser riuscita a fermare il bagno di sangue causato dalla repressione in atto dallo scorso mese di marzo.

Enrico Ferdinandi

20 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook