Romney affronta Gingrich

I candidati all’investitura repubblicana per la Casa Bianca scambiano gli ultimi colpi sul terreno conservatore della Carolina del Sud dove avrà luogo sabato una primaria chiave per il favoritissimo Mitt Romney che concentra i suoi attacchi su Newt Gingrich, considerato senza dubbio l’avversario più pericoloso. Bersaglio da alcune settimane l’entourage di Romney si è mobilitato lanciando un offensiva particolarmente intensa contro l’ex presidente della camera dei rappresentanti. La sua personalità imprevedibile potrebbe trainare in caso di nomina, la rielezione di Barack Obama. L’anziano senatore Jim Talent, che ha collaborato con Newt Grinch negli anni 90, ha accusato quest’ultimo di avere propositi di natura distruttiva, accusandolo anche di aver permesso la rielezione del democratico Bill Clinton nel 1996.

   Dopo il debutto della campagna elettorale, Gingrich si colloca come il più candidato più accreditato per fronteggiare il multimilionario Mitt Romney, ex governatore del Massasuchets. Nonostante le vittorie precedenti ai primi scrutini dell’Iowa (centro) e del New Hampshire (Nord-Est), Romney fatica a convincere una maggioranza del proprio partito e delle opinioni repubblicane. In un altro spot diffuso su Internet, il comitato di sostegno di Gingrich mette in scena un falso Obama che martella lo stesso Romney nel corso di un dibattito in cui descrive in dettagliatamente i cambiamenti di opinione di Romney evidenziando una certa discontinuità di pensiero. Il video propone dunque un Obama finto che dichiara : ”Sono d’accordo con il governatore Romney su molti dei suoi soggetti, ma per quanto riguarda il candidato Romney ..Non conosco questo tizio. Appare uno sconosciuto persino a se stesso. Il fatto è che Gingrich tallona Romney negli ultimi sondaggi. Nel corso di un meeting tenuto martedì Gingrich, ha chiamato al proprio campo il cattolico conservatore Santorum, che i sondaggi calcolano al terzo posto invece del texano Mitt Perry. La situazione dunque resta altamente incerta nonostante i sondaggi nei giorni precedenti prevedevano un altro tipo di andamento. Il momento è politicamente intenso e date le premesse e l’importanza della posta in palio ci si aspetta una lotta senza esclusione di colpi.

Manuel Giannantonio

18 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook