Romney subisce i primi attacchi del clan Obama

La situazione delle elezioni presidenziali sta entrando nel vivo di quello che sarà probabilmente lo scontro al quale assisteremo a novembre. Mitt Romney candidato n°1 all’investitura di anti Obama è stato attaccato dagli uomini dell’attuale presidente, che hanno definito il repubblicano di aver derubato le imprese e licenziato colori quali non rientravano nei suoi piani. Queste critiche si aggiungono alle numerose già ricevute dal candidato repubblicano sul suo passato di imprenditore di successo.

Come risposta Romney ribatte che ha tutte le caratteristiche e le competenze necessarie per rilanciare l’economia del paese.  Stéphanie Cutter, stratega in forza dell’entourage di Obama, accusa il candidato multimilionario di aver usufruito, quando era a capo della Bain Capital negli anni 1980-1990, del denaro di ricchi imprenditori per prendere a tutti gli effetti il controllo dell’impresa costringendo alla disoccupazione molti impiegati. Mitt romney viene anche accusato di essere responsabile della chiusura di molte aziende. Negozi ed uffici, riducendo i salari, vantaggi sociali e pensioni degli impiegati stessi, guadagnando milioni di dollari. Obama al contrario ristabilizza la giustizia per i consumatori, aiutare la classe media e sostenere le imprese. In seguito ai successi ottenuti nell’Iowa e nel New Hampshire Romney tenta di attenuare i problemi sorti in virtù del suo passato manageriale, almeno prima delle elezioni della Carolina del Sud, percepite in tutto il paese come l’ultima opportunità per i suoi rivali repubblicani Santorum, Perry e Gingrich. Romney rimane comunque, per il momento salvo cambiamenti dell’ultim’ora, il grande favorito alla nomina in corsa per le repubblicane. L’ex governatore del Massasuchets, è sempre confermato dalla maggior parte dei sondaggi realizzati, come l’uomo da battere in un paese che sembrerebbe cambiare rotta verso un significativo cambiamento al vertice della casa bianca. Gli stessi attacchi dell’ambiente di Obama confermano la consapevolezza dell’importanza acquisita da Romney da parte dell’attuale ambiente presidenziale. Si preannuncia dunque, una vera e propria battaglia politica tra il presidente uscente dopo un periodo caratterizzato da alti e bassi e il nuovo designato multimilionario repubblicano ex governatore dello stato del Massasuchets.      

Manuel Giannantonio

15 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook