Ucraina: Obama condanna la Russia

Ucraina: Obama condanna la Russia

Il Presidente Americano ha assicurato, durante una conferenza stampa, che la Russia è responsabile della violenza provocata nell’Est dell’Ucraina. Inoltre, ha affermato che gli Stati Uniti non hanno ricorso alla forza per risolvere la situazione ucraina.

140306-obama-ukraine-briefing-jsw-124p_0c3a31d984edfa75eff6ee4b71292e98Una condanna decisa quella del Presidente Americano nei confronti della Russia. Almeno a parole. Obama infatti, si scaglia contro Putin dichiarando che il suo paese non ha ricorso alla forza in Ucraina.

La Russia è responsabile della violenza nell’Est dell’Ucraina. La violenza è incoraggiata e sostenuta dalla Russia. I separatisti sono sostenuti dalla Russia e sono armati dalla Russia che li finanzia. È evidente agli occhi del mondo intero”. Queste le parole proliferate dal 44° Presidente Americano che fanno eco alle dichiarazioni della NATO secondo le quali più di mille soldati russi si trovano nell’Est dell’Ucraina di fianco ai separatisti. Il Presidente Americano ha tuttavia affermato che gli Stati Uniti non hanno mai ricorso alla forza.

Obama ha anche annunciato che incontrerà il suo omologo ucraino Petro Porochenko, il mese prossimo alla Casa Bianca. La settimana prossima sarà in Estonia e successivamente in Galles per un summit della NATO.

L’Ucraina non fa parte dell’Alleanza Atlantica “ma alcuni paesi confinanti lo sono”, ha evidenziato Obama, evocando l’articolo cinque della carta della NATO che prevede la solidarietà tra membri in caso di aggressione.

L’incursione che si svolge in Ucraina non possono che peggiorare” le sanzioni supplementari all’incontro con la Russia ha avvisato Obama mentre il Dipartimento di Stato non esclude nessuna opzione circa un aiuto militare a Kiev. L’Ucraina ha chiesto giovedì agli Occidentali delle sanzioni significative e un aiuto militare facendo temere una guerra aperta tra la Russia e l’Ucraina.

Di Manuel Giannantonio

([email protected])

30 Agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook