Corea del Nord, manifestazione a sostegno del nuovo leader a Pyongyang

In migliaia sono scesi in piazza a Pyongyang (capitale della Corea del Nord) per mostrare sostegno alle nuove forze politiche del paese e del suo nuovo proclamato leader Kim Jong un che ha garantito continuità con la politica del padre . Circa 100 mila le persone che hanno invaso la piazza e le sue strade incuranti del freddo e della neve che hanno invaso l’intero paese per ascoltare il discorso del capo del partito di Pyongyang, Mun Dok Gyang, che con le sue parole ha espressamente ribadito la propria incondizionata fiducia al nuovo leader affermando: “ Teniamo in mente che la vittoria in una costruzione della nazione potente e prospera è certa finché  ci sarà la saggia leadership del leader e compagno Kim Jong Un“.

Hanno assistito alla cerimonia le più alte cariche dello stato, tra le quali il primo ministro Choe Yong Rim. Non è chiaro però se lo stesso leader abbia effettivamente partecipato alla cerimonia, organizzata ogni anno nella prima settimana di Gennaio che quest’anno assume un significato di natura importantissima per lo sviluppo del paese, caricandosi di un elevatissima importanza politica. Un paese che rimane piuttosto contradittorio, se da un lato abbiamo un governo economicamente sull’orlo di una crisi economica dall’altro c’è la rapida crescita della capacità militare. Il paese ha infatti ribadito che dopo la perdita del “caro leader “ la priorità è quella di mantenere un impronta militare in cui proprio l’esercito ha la priorità su tutto così come voluto dalla politica dello Songun instaurata proprio da Kim Jong Il. Sostanzialmente la fase di transizione non ha comportato significativi cambiamenti di nessun tipo per chi si li aspettava, bensì ha mantenuto saldo il progetto politico messo in atto da Kim Jong Il il cui figlio ha già promesso di portare avanti.   

di Manuel Giannantonio

4 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook