Sottomarino nucleare russo: spento incendio, nove intossicati

È stato spento l’incendio al sottomarino nucleare russo, Yekaterinburg, che era scoppiato ieri pomeriggio in un cantiere nei pressi di Murmansk. A comunicarlo il ministro delle Situazioni d’emergenza russo Sergei Shoigu che ha anche spiegato che il raffreddamento del sottomarino proseguirà ancora per qualche ora, l’allerta per il pericolo di radiazioni è quindi stata scongiurata.

Il ministro ha chiesto a chi sta lavorando al raffreddamento dello scafo di: “Garantire la piena consapevolezza della popolazione sulla reale situazione nella zona. Le informazioni dovrebbero essere aperte, accessibili e veritiere. Dobbiamo impedire qualunque speculazione e la propagazione della disinformazione.
Sono fin ora rimasti intossicati durante il lavoro per spegnere l’incendio almeno nove pompieri. Il pericolo riguardava la possibilità che alcuni missili “strategici” nucleari potessero danneggiarsi a causa dell’incendio. La causa dell’incendio sembra esser dovuta ad alcune impalcature di legno che si trovavano intorno al sottomarino e che, ancora non si sa come, avrebbero preso fuoco.

di Alessandra Cetronio

30 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook