Sarkozy arrestato oggi per concussione

Sarkozy arrestato oggi per concussione

arresto-sarkozyL’ex presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy, da stamattina, è in stato di “garde à vue” per 24 ore, provvedimento cautelare, che può essere prorogato per ancora altre 24 ore. Il fermo è scattato presso l’ufficio centrale di lotta contro la corruzione e le infrazioni finanziarie e fiscali della polizia giudiziaria di Nanterre, dove Sarkozy è stato interrogato nell’ambito dell’inchiesta che lo riguarda.

Ieri, nell’ambito della stessa inchiesta erano stati arrestati l’avvocato di Sarkozy Thierry Herzog, ritenuto il presunto intermediario, e il giudice coinvolto, Gilbert Azibert, avvocato generale della corte di cassazione.

L’inchiesta giudiziaria, che vede al centro Sarkozy, riguarda intercettazioni e violazione del segreto istruttorio, basate su alcune conversazioni intercettate tra l’ex inquilino dell’Eliseo e Herzog, dove venivano evidenziate notizie circa alcune procedure giudiziarie relative alle inchieste sui casi Bettencourt e Tapie/Lyonnais. Le informazioni sarebbero state acquisite da Azibert, avvocato e amico del giudice di Herzog, che in cambio avrebbe richiesto la nomina per un incarico a Monaco.

Ora sulla base degli elementi raccolti la polizia giudiziaria sta cercando di ricostruire i fatti per capire se l’ex capo di Stato e il suo entourage, nell’epoca del suo mandato presidenziale tra il 2007 e il 2012, manovrassero una “rete” di informatori per essere aggiornati sull’evoluzione dei processi giudiziari che riguardavano Sarkozy.

È la prima volta che ad un ex capo di Stato francese viene applicata questa misura cautelare, anche se c’è da rilevare che che Sarkozy e il suo entourage hanno già avuto, in precedenza, problemi con la giustizia.

Questa svolta nell’inchiesta è arrivata nel momento peggiore per Sarkozy, dal momento che nelle ultime settimane si parlava di un suo ritorno in politica, che ora dopo questi fatti sarà molto difficile possa realizzarsi.

Sebastiano Di Mauro
1 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook