Filippine, tifone Washi: oltre 200 morti

Tragico bilancio quello causato dalla tempesta tropicale Washi che ha colpito le Filippine quest’oggi: si parla di almeno 200 morti e 400 dispersi. Si teme che il numero di vittime possa presto salire.
La tempesta ha colpito in particolar modo l’isola di Mindanao (nel Sud) dove sono stati recuperati fin ora 97 corpi senza vita, ritrovati tutti nel porto principale dell’isola: Cagayan de Oro. Altri 75 corpi sono stari ritrovati nella vicina città portuale di Iligan, secondo le autorità proprio in queste due isole risultano esser dispersi ufficialmente almeno 375 persone.

Inoltre le forti piogge, in meno di 24 ore sono caduti nella zona circa 25 millimetri di acqua, hanno causato alluvioni che hanno inondato anche Illigan City e Zamboanga del nord. Le acque hanno sommerso interi villaggi, e le forti raffiche di vento (sulla costa si arriva a 90 km/h) hanno causato smottamenti e frane.
Il presidente Benigno Aquino III, viste le molte vittime ha chiesto ai responsabili ed alle autorità la massima assistenza possibile nelle zone raggiunte da Washi. Sono circa 10mila soldati impegnati nelle operazioni di soccorso.
Ricordiamo ai nostri lettori che ogni anno le Filippine vengono colpite da almeno venti fra tempeste tropicali e tifoni, nel 2010 i morti dovuti a questi fenomeni sono stati quasi cento mentre nel 2009 la violenta tempesta tropicale Ketsana ne aveva provocati 464.

di Enrico Ferdinandi

17 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook