Stati Uniti: cinque morti in una sparatoria avvenuta a Las Vegas

Stati Uniti: cinque morti in una sparatoria avvenuta a Las Vegas
Immagine Fox News

Un episodio di violenza che ricorda la pellicola Natural Born Killers si è verificato domenica a Las Vegas. Un uomo e una donna sono entrati in una pizzeria aprendo il fuoco contro due agenti di polizia senza un’apparente ragione.

Immagine Fox News
Immagine Fox News

I miei uomini stavano semplicemente mangiando quando si è verificata la sparatoria”, ha dichiarato il capo della polizia locale. Domenica, un uomo e una donna armati di fucile hanno ucciso due agenti di polizia di Las Vegas che mangiavano in una pizzeria. Uno dei due autori della strage ha urlato: “This is a revolution!” (questa è una rivoluzione), come precisato dal portavoce della polizia. Sul canale televisivo locale ABC 13, una donna presente sulla scena ha testimoniato: “I poliziotti erano seduti di fronte a me e un uomo è entrato. Ho pensato che avrebbe chiesto da bere ma si è subito girato, ha estratto una pistola e ha sparato contro il poliziotto di fronte a me”.

Pochi istanti prima, alle 11H30, i due ufficiali delle forze dell’ordine, due genitori di 31 e 41 anni, sono stati presi di mira. Uno dei due poliziotti è riuscito a rispondere al fuoco prima che gli autori della sparatoria potessero fuggire all’interno di un negozio adiacente, dove hanno ucciso un passante, che non è ancora stato identificato dalla polizia. Poco dopo, la donna ha sparato sul proprio complice prima di rivolgere l’arma contro di sé per togliersi la vita, come dichiarato dallo sceriffo Douglas Gillespie.

Un portavoce della polizia, Laura Meltzer, ha rivelato che i due sospetti sono stati trovati morti in uno scenario che lascia prevedere l’esito di un patto suicida. Tuttavia, la polizia non fornisce nessun motivo per quanto accaduto successivamente. “Non sappiamo cosa ha fatto precipitare gli eventi”, ha dichiarato, prima di tranquillizzare un po’ gli animi aggiungendo che non “c’è più pericolo”.

Di Manuel Giannantonio

([email protected])

9 Giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook