Cina: condannato per aver voluto commemorare Tienanmen

Cina: condannato per aver voluto commemorare Tienanmen

Un uomo deve scontare 18 mesi di reclusione per aver sollecitato l’autorizzazione dell’organizzazione di un raduno di debole ampiezza in memoria della repressione del movimento studentesco del 1989.

tienanmen
il rivoltoso sconosciuto, 4 giugno 1989

Oggi, un tribunale cinese ha condannato a 18 mesi di reclusione un uomo che ha espressamente richiesto l’autorizzazione per manifestare il giorno dell’anniversario della repressione di piazza Tienanmen, il 4 giugno 1989, come indicato dal suo avvocato Gu Yimin, è stato riconosciuto colpevole di “incitazione alla sovversione dello Stato”, un classico capo di accusa utilizzato dalle autorità cinesi per reprimere tutte le forme di dissidenza.

Questo verdetto viola la Costituzione”, ha stimato Liu Weigo, l’avvocato del condannato, annunciando la sua intenzione di ricorrere in appello per la sentenza emessa da una corte penale della città di Changshu, nella provincia orientale del Jiangsu. “Gu Yimin ha semplicemente esercitato il suo diritto alla libertà d’espressione”, normalmente previsto dalla Costituzione, ha aggiunto l’avvocato.

Gu Yimin ha sollecitato le autorità per ottenere il diritto di organizzare una manifestazione il 4 giugno dell’anno scorso, pubblicò ugualmente delle fotografie in rete dello schiacciamento del movimento studentesco del giugno 1989.

Il Partito comunista cinese, che inviò dei carri armati per interrompere la contestazione nel cuore di Pechino, censura qualsiasi discussione su questo evento, il cui bilancio non è ancora stato stabilito. Gli osservatori indipendenti hanno redatto un bilancio di un milione di persone uccise a Pechino, senza contare i morti della provincia. Morti che oggi sembrerebbero vane, vista la mancata applicazione della libertà di espressione per la quale hanno combattuto e sono morti in molti.

di Manuel Giannantonio

([email protected])
24 Marzo 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook