Stati Uniti: Obama incontra i giganti della rete per riformare la NSA

Stati Uniti: Obama incontra i giganti della rete per riformare la NSA

Il Presidente americano, Barack Obama, ha ricevuto venerdì 21 marzo i dirigenti dei grandi gruppi della rete per discutere del suo piano di ristrutturazione dell’Agenzia di sicurezza nazionale (NSA), le cui pratiche sono state aspramente criticate dai componenti del settore.

110218_zuckerberg_obama_522_regularTra gli invitati al summit, il Presidente del consigli di amministrazione di Google, Erich Schmidt, e il fondatore del social network Facebook, Mack Zuckereberg, che hanno chiamato il Presidente la settimana scorsa per esprimere il loro malcontento a proposito delle ultime rivelazioni sulla NSA.

L’incontro è stato organizzato per proseguire il “dialogo sulle questioni di vita privata, di tecnologia e di informazione”, ha fatto sapere la Casa Bianca. Il Presidente “ha ribadito l’impegno della sua amministrazione per prendere misure che possano conferire agli utilizzatori maggiore fiducia nel fatto che i loro diritti siano protetti, preservando la nostra sicurezza”. Secondo l’esecutivo, erano ugualmente presenti a questo incontro in video conferenza Reed Hastings, il patron di Dropbox, Dre Houston, e quelli di Palantir, Alexander Karp e di Box Aaron Levie.

Il fondatore di Facebook ha assicurato di aver divulgato al Presidente Obama “la sua frustrazione per il rapporto danneggiato tra il governo e il futuro di noi tutti”. “Sfortunatamente, sembra che dovremo attendere a lungo per una vera riforma”, dice Zuckerberg.

Le rivelazioni di Edward Snowden (la talpa del Datagate), sulla sorveglianza pratica dall’agenzia americana hanno generato notevoli tensioni tra l’amministrazione e la Silicon Valley. La settimana scorsa, l’ex giornalista del “Guardian”, Glen Greenwald, ha divulgato particolari dell’uso su grande scala di software finalizzati all’estrazione di dati privati di milioni di utenti attraverso il mondo. In alcuni casi la NSA avrebbe imitato delle pagine di Facebook per iniettare questi software nei computer.

Google e Facebook ma anche Yahoo!, hanno categoricamente smentito di avere fornito l’accesso ai propri server alla NSA e moltiplicano le iniziative per restaurare la fiducia dei loro utenti. Barack Obama, ha proposto una riformulazione dei programmi della NSA a gennaio ma i suoi propositi di riforma devono ancora essere convalidati dall’agenzia e dal Congresso prima di essere effettive.

di Manuel Giannantonio

([email protected])
22 Marzo 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook