Atomica dell’Iran, la Cina: “No a nuove sanzioni”

Il caso “Nucleare” iraniano continua a mietere tensione nei rapporti diplomatici mondiali. Dopo la dichiarazione di Israele che si è detta pronta ad attaccare l’Iran militarmente se non cessa le sue attività di ricerca nucleare e l’Aeia che ha detto di nutrire serie preoccupazioni sul programma nucleare iraniano: “ Vi sono alte le probabilità che l’Iran abbia condotto attività volte a sviluppare un dispositivo esplosivo nucleare”, oggi a parlare è la Cina con il portavoce del ministero degli esteri di Pechino Hong Lei: “nuove sanzioni contro l’Iran ‘fondamentalmente non risolvono il problema del nucleare iraniano”.

Molti paesi europei avevano di fatto proposto di ricorrere a nuove sanzioni contro le ricerche sul nucleare in Iran.
Ricordiamo che invece negli scorsi giorni il ministero degli Esteri Russo aveva dichiarato che: “Mosca è fortemente delusa e non comprende perché il rapporto dell’Aiea sull’Iran, sul quale molto è stato detto e scritto in questi ultimi giorni, sia stato trasformato in una nuova fonte di aumento delle tensioni intorno ai problemi collegati con il nucleare iraniano”.

di Enrico Ferdinandi

10 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook