Ucraina: decine di manifestanti uccisi negli scontri di piazza

Ucraina: decine di manifestanti uccisi negli scontri di piazza

I ministri europei annullano il loro incontro con il Presidente Ianoukovich per “ragioni di sicurezza”. Centinaia di manifestanti hanno caricato il cordone della polizia e ripreso il controllo della piazza.

l43-manifestazione-ucraina-140124104440_mediumQuello che succede in Ucraina non riguarda più solo l’adesione all’Europa ma si tratta di un vero e proprio colpo di Stato inizialmente appoggiato su questa rivendicazione e che ora esige un cambio al vertice del paese. La violenza però ha decisamente preso il sopravvento.

I manifestanti armati con passamontagna hanno scalato le loro barricate lanciandosi all’assalto di un cordone formato dalle forze dell’ordine. Alcune riprese della televisione locale mostrano dei poliziotti tirati via con la forza da uomini in tenuta da combattimento.

I poliziotti hanno indietreggiato per alcune centinaia di metri, abbandonando il terreno che avevano riconquistato durante l’assalto avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì. Hanno sparato alcuni proiettili di gomma ferendo una decina di manifestanti subito caricati su appositi carrelli e portati nelle postazioni di pronto soccorso dell’opposizione.

Il ministro dell’Interno ha affermato che 20 poliziotti sono stati feriti mentre diverse ambulanze si dirigevano nel centro di Kiev. Diverse migliaia di persone sono sempre riunite nella pizza dell’indipendenza a Kiev, luogo simbolico dell’alta contestazione, occupata da tre mesi. La piazza è integralmente sotto il controllo dei manifestanti.

Un poliziotto è stato catturato dai manifestanti che l’hanno condotto all’interno delle loro linee, nel centro della piazza, come documentato dalle immagini trasmesse dalla televisione locale. La televisione ucraina ha inoltre diffuso immagini di due corpi allungati sul suolo e ricoperti da coperte nei pressi della piazza dell’Indipendenza.

Questa violenza si manifesta mentre i ministri degli Affari Esteri tedesco, francese e polacco sono arrivati a Kiev per incontrare il Presidente Ianoukovich e i dirigenti dell’opposizione. Dopo le durissime critiche nei proprio confronti, il Presidente ucraino aveva annunciato mercoledì sera una “tregua” con i manifestanti.

Manuel Giannantonio
(Twitter @ManuManuelg85)

20 Febbraio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook