Pakistan: giovane ragazzo si getta sul kamikaze sventando un attentato

Pakistan: giovane ragazzo si getta sul kamikaze sventando un attentato

La polizia del nordovest del Pakistan ha esortato le autorità del paese ad assegnare la più alta onorificenza civile a un adolescente che ha sacrificato la sua vita per salvare quella di centinaia di studenti gettandosi su un kamikaze che stava attaccando la sua scuola.  

Aitzaz Hassan, un adolescente di 15 anni della piccola città sciita di Ibrahimzai situata nel distretto di Hangu della provincia di Khyber Pakhtunkhwa (nordovest), ha intercettato lunedì un kamikaze che si apprestava ad attaccare la scuola che frequentava da quasi un anno.

Il kamikaze è stato costretto a farsi esplodere a 150 metri dalla scuola. Tutti gli alunni e i professori dello stabilimento scolastico sono salvi. Il capo della polizia del Khyber Pakhtunkhwa, la provincia più investita dagli attentati dei talebani situata alla frontiera dell’Afghanistan, Nasir Khan Durrani, ha scritto giovedì sera alle autorità per chiedere la più alta onorificenza civile a titolo postumo per Hassan.

Il kamikaze tentava di entrare nella scuola dove centinaia di studenti erano in classe. Hassan ha sacrificato la sua vita per fermare il kamikaze con coraggio… Ha salvato centinaia di studenti innocenti”, ha scritto Durrani. La stampa pachistana venerdì ha elogiato il coraggio di questo giovane adolescente  comparandolo a quello di Malala Yousafzai, giovane militante per il diritto all’educazione, ucciso nel 2012 per mano di un attentato di matrice talebana nel nord del paese.

Non dobbiamo mai dimenticare Hassan e quelli come lui – civili e militari – che hanno sacrificato la loro vita nella lotta contro gli insorti”, sottolineava il quotidiano Dawn nel suo editoriale. “Lo Stato deve inviare un messaggio di condoglianze alla famiglia di questo giovane uomo e offrirgli tutta l’assistenza possibile. Quelli al potere dovrebbero apprendere la lezione”, concludeva l’editoriale del quotidiano dove sul sito internet in tanti hanno salutato la memoria di questo “eroe” dell’ombra.

 

Manuel Giannantonio 

(Twitter @ManuManuelg85)
(Blog: http://www.fanpage.it/manuel-giannantonio/)

10 gennaio 2014 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook