ONU: Iran assente nella lista della Conferenza di pace

ONU: Iran assente nella lista della Conferenza di pace

Il segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon ha inviato lunedì degli inviti per la conferenza di pace sulla Siria, che deve aprirsi il 22 gennaio in Svizzera, come annunciato dall’ONU, ma l’Iran non figura nella lista dei paesi invitati.

Un portavoce dell’ONU ha precisato che la questione della partecipazione dell’Iran non è ancora stata affronta e che sarà discussa durante un incontro il 13 gennaio tra i capi della diplomazia russa Serguei Lavrov e quella americana, rappresentata da John Kerry 

Ban Ki Moon “desidera invitare l’Iran”, ha voluto ricordare il portavoce che ha aggiunto che le discussioni su questa questione “non hanno prodotto un risultato finale per il momento”. Il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo Serguei Lavrov “si incontreranno il 13 gennaio e noi speriamo fortemente che si metteranno d’accordo sulla partecipazione dell’Iran”. Il portavoce tuttavia, non ha precisato il luogo e le circostanze di questo incontro.

La facoltà di mandare inviti alla conferenza è nelle mani dell’ONU, che deve discutere un processo di transazione politica in Siria. Washington è ostile circa una possibile partecipazione dell’Iran alla conferenza, poiché sostiene e arma il regime siriano, mentre l’ONU, la Russia e Damasco desiderano la sua presenza.

La conferenza dovrebbe aprirsi a Montreux (Svizzera) il 22 gennaio sotto la Presidenza di Ban Ki Moon in presenza di una ventina di paesi e proseguire a partire dal 24 gennaio tra le delegazioni siriane con l’ausilio del mediatore internazionale Lakhdar Brahimi.

La lista degli invitati è stata definita il 20 dicembre durante una riunione a Ginevra tra Brahimi e alcuni responsabili russi e americani, ha precisato l’ONU. Questa lista svelata da Brahimi in questa occasione, comprende in totale 26 paesi, comprese le principali potenze mondiali e regionali, tra le quali l’Arabia Saudita che sostiene l’opposizione siriana.

Un responsabile americano ha lasciato intendere lunedì che l’Iran gioca un ruolo fondamentale quanto costruttivo nella crisi siriana, una condizione fissata da Washington per la partecipazione alla conferenza della pace, a condizione di esortare Damasco a cessare i bombardamenti delle zone ribelli prima del 22 gennaio.
di Manuel Giannantonio 

([email protected])
(Blog: http://www.fanpage.it/manuel-giannantonio/)

7 Gennaio 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook