Thailandia, Bangkok: Emergenza inondazioni per 9 mln di persone

Emergenza in Thailandia dove 9 milioni di persone sono state colpite da inondazioni (le peggiori degli ultimi dieci anni) che fin ora hanno causato la morte di 365 persone. Sono 28 le province dove sono stati riscontrati maggiori danni, il governo ha già inviato 50.000 soldati e 30.000 agenti di polizia. Il portavoce del governo Titima Chaisang, ha dichiarato quest’oggi che: “Il primo ministro (Yingluck Shinawatra) ha detto che la situazione generale delle inondazioni nel Paese dovrebbe durare da quattro a sei settimane”.

La situazione era al limite già da qualche giorno tanto che il primo ministro aveva già chiesto l’apertura di alcune delle chiuse della capitale per permettere alle acque piovane di defluire verso il mare. Finora il centro di Bangkok è stato in buona parte risparmiato grazie al tempestivo rafforzamento delle dighe, il piano è quello di azionare 158 stazioni di pompaggio per ridurre la pressione dell’acqua e gli allagamenti nella zona suburbana e periferica.
La priorità è quindi salvaguardare il centro della capitale. In una nota il governo ha dichiarato che: “Le acque hanno raggiunto Bangkok, il cuore dell’economia e dell’amministrazione e dobbiamo garantire la sicurezza di tutti i luoghi importanti come i palazzi, gli edifici dei governi, le strade e i principali servizi pubblici”.
C’è da dire che con il passare delle ore si fa sempre più probabile la possibilità che anche il centro di Bangkok venga inondato. Pracha Promnok, ministro della Giustizia e capo dell’unità di crisi del governo ha affermato nel corso di un intervista: “Sono preoccupato per i residenti di Bangkok perché se non possiamo controllare la situazione o se le cose vanno male e non riusciamo a pompare acqua in tempo, c’è la possibilità che la nostra Bangkok venga inondata”.
Le Tv thailandesi in queste ore si fanno testimoni delle preoccupazioni di Pracha, difatti le persone tentano di riparare gli argini con sacchi di sabbia improvvisati, il livello dell’acqua è ancora gestibile ma non ancora per molto tempo.
La banca centrale ha valutato danni per 100 miliardi di baht che equivalgono a 3.3 miliardi di dollari.

 

di Enrico Ferdinandi

 

22 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook