Ghilad Shalit e’ finalmente libero

E’ avvenuta poco fa la liberazione  del caporale Shalit, il soldato israeliano rapito ormai 5 anni fa da Hamas e tenuto segregato fino ad oggi. Il caporale sarebbe in questo momento nel pieno di una conferenza stampa dove, parlando con giornalisti di tutto il mondo, si appresta a raccontare gli ultimi 5 anni passati in prigionia. Secondo fonti israeliane questa mattina l’uomo sarebbe stato spostato dalla striscia di Gaza fino in Egitto, all’altezza della città di Rafah. Dopo 5 anni si è arrivato ad un accordo quindi, Shalit è stato liberato in cambio della scarcerazione di un numero ancora non certo di palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, si parla di 500 o 800 persone.

Il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu si era detto fiducioso per la buona riuscita dell’operazione, ma non ha voluto rilasciare comunicati prima della liberazione. La paura del presidente Israeliano era dovuta ai passati tentativi di liberazione, o di scambio, costantemente andati a vuoto. Gia due anni fa il caporale, poche ore prima di un blitz, delle forze di sicurezza israeliane, venne spostato. Il luogo di prigionia di Shalit è rimasto segreto per le stesse alte cariche di Hamas, almeno secondo quanto affermato dagli interessati. Per la prima volta in cinque anni, il caporale Shalit quindi questa mattina non si sarebbe trovato più in mani palestinesi, ma al sicuro in una struttura segreta egiziana, in attesa dell’arrivo dei genitori del caporale, Noam e Aviva, che hanno lasciato questa mattina la loro abitazione in alta Galilea per dirigersi verso la base militare di Tel Nof nel centro Israele, dove poco fa è avvenuto lo scambio. Contemporaneamente, le truppe israeliane hanno consegnato, per ora, 477 detenuti palestinesi alla Croce Rossa, presso Karem Shalom al confine con Gaza e vicino Ramallah, in Cisgiordania.

 

di Morris Bisanti

 

18 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook