Il terrorismo islamico dichiara guerra nel Sinai

Il terrorismo islamico dichiara guerra nel Sinai

L’attacco avvenuto oggi nel Sinai è l’ultimo di una serie di attentati perpetrati dai jihadisti nella penisola del Sinai dopo la caduta del governo di Morsi e conferma la mancata sicurezza e stabilità dello stato egiziano

Mentre i media e l’attenzione internazionale sono rivolti verso la Siria ed il probabile o non intervento degli Stati Uniti, la Penisola del Sinai in Egitto sta rischiando di sprofondare irrevocabilmente nella morsa terroristica. A confermare tale paura è l’attacco avvenuto oggi ai danni di un checkpoint militare ed un edificio dell’Intelligence colpiti da due autobomba la cui detonazione ha causato, secondo quanto riportato dalle fonti locali egiziane,  11 morti e 17 feriti, tra cui diversi civili.

Il primo attentato è stato ai danni del checkpoint militare il quale è stato colpito da un’automobile guidata da un attentatore suicida a cui hanno fatto seguito il lancio di granate; successivamente è stato preso di mira il quartier generale dell’Intelligence di Rafah vicino alla frontiera con la Striscia di Gaza colpito dall’esplosione di un’autobomba, azione ritenuta dal portavoce delle Forze Armate egiziane connessa alle attività dei gruppi terroristici operanti nella zona.

Tali eventi seguono il recente attentato ai danni del Ministro degli Interni egiziano al Cairo rivendicato tramite internet da Ansar Jerusalem e sono una prova inconfutabile della crescente azione dei gruppi jihadisti nell’area del Sinai con una tendenza a dilagare in tutto l’Egitto. L’attentato al ministro egiziano e gli episodi di oggi sembrano essere una risposta alle dichiarazioni di sicurezza pronunciate recentemente dalle Forze Armate egiziane le quali avevano sottolineato il buon esito delle operazioni speciali nel Sinai rappresentato dall’eliminazione o ferimento di circa 30 militanti, voci smentite dagli stessi gruppi jihadisti (2duerighe – Cresce l’attività jihadista nel Sinai).

Giuliano Bifolchi

11 settembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook