Svezia: Snowden proposto come candidato al premio Nobel per la pace

Svezia: Snowden proposto come candidato al premio Nobel per la pace

showenPremiare con il premio Nobel un uomo perseguitato e ricercato dagli Stati Uniti ? Questo è quanto ipotizza un sociologo svedese. Membro dell’Accademia scientifica reale e persona qualificata per consegnare nomi di candidati per il premio, Stefan Svalffors ha proposto il nome di Edward Snowden per succedere a personaggi del calibro di Nelson Mandela o a Barack Obama.

Nella sua lettera all’Istituto del Nobel, pubblicata dal giornale svedese Västerbottens-Kuriren, Svalffors espone le sue idee. Secondo lui la rivelazione del sistema PRISM tramite il quale la NSA (National Security Agency) spia le comunicazioni elettroniche, ha contribuito a rendere il mondo un posto più sicuro. La nuova bestia nera degli Stati Uniti dovrebbe essere premiata con il fine di dimostrare che gli individui possono elevarsi per difendere le libertà fondamentali.

Questa proposta ha la possibilità di diventare concreta ? In ogni caso è troppo tardi per il 2013. Se la ricompensa viene decretata alla fine dell’anno, la lista delle candidature scade il 1° febbraio. La concorrenza era particolarmente forte nel 2013, non meno di 259 persone o organizzazioni sono in lista.

Se la storia dovrebbe assegnarli un prestigioso premio, Edward potrebbe andare a Oslo a ricevere il suo premio ? Per il momento, Snowden è ancora bloccato nella zona di transito internazionale dell’aeroporto di Mosca. La Russia ha fatto sapere che non ha ancora ricevuto ufficialmente la richiesta di asilo, mentre il fuggitivo americano ha espresso l’intenzione di riceverla venerdì scorso. Ancora intrappolato in aeroporto come Victor Navorsky protagonista del film The Terminal, Snowden deve ancora risolvere parecchie grane prima di poter ambire a un simile riconoscimento. In ogni caso sarebbe la persona più giovane a riceverlo.

Manuel Giannantonio

(Twitter @ManuManuelg85)
(Blog: http://postmanuelg85.blogspot.it)

16 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook