Egitto: l’esercito determina la destituzione di Morsi, piazza Tahrir in festa

Egitto: l’esercito determina la destituzione di Morsi, piazza Tahrir in festa

golpe egitto22H00 Ecco le dichiarazioni di Abdel Fattah al-Sissi, il capo dell’esercito egiziano, durante l’annuncio della destituzione del Presidente Morsi:

 “Diverse proposte sono state fatte durante una riunione con il Presidente il 30 giugno durante la quale abbiamo respinto tutte le minacce fatte al popolo. Noi speriamo di trovare una soluzione alfine di soddisfare le rivendicazioni popolari. Tuttavia le risposte del Presidente non hanno convinto le aspirazioni della strada. Alla fine della riunione queste sono state le proposte:

-Elezioni anticipate. Nel frattempo il Presidente Morsi è sostituito dal capo della Corte costituzionale

-Formazione di una nuova coalizione nazionale
-Formazione di un comitato che lavorerà sugli emendamenti costituzionali
-Misure che tengano conto della gioventù egiziana nelle prossime decisioni
-L’esercito chiama il popolo egiziano ad astenersi da qualsiasi violenza

-Ringraziamo l’esercito per i suoi ripetuti sacrifici nel nome del paese

21h15 L’esercito scarta morsi:

l’esercito annuncia un’elezione presidenziale anticipata. Morsi chiama alla “resistenza pacifica” al colpo di Stato. Viene sostituito dal capo della Corte costituzionale.

20h10 Gli stati uniti si dichiarano inquieti della situazione:

Gli Stati Uniti contattano il Presidente Morsi a fare qualcosa di più per rispondere alle incertezze dei manifestanti egiziani. “Resteremo molto inquieti di quello che vediamo in Egitto”, ha dichiarato Jennifer Psaki, portavoce del Dipartimento di Stato. “Abbiamo la percezione che manchino propositi determinanti nelle dichiarazioni del Presidente Morsi”, ha voluto evidenziare la Psaki. Washington pensa che il Presidente egiziano “dovrebbe agire e fare di più”, proseguendo: “Gli atti sono più forti delle parole”.

 19h15 una web cam permette di vedere cosa accade in piazza tharir

19h50 il popolo grida “lo dimenticheremo presto”:

I manifestanti ostili a Morsi si rallegrano gridando: “Lo dimenticheremo presto !”. In un’atmosfera di festa nazionale sono in migliaia di fronte al palazzo presidenziale ad aspettare la caduta, ineluttabile secondo loro, del capo di Stato egiziano. In molti per le strade alle interviste realizzate dai media locali dichiarano che Morsi merita questa fine.

19H00 Decine di veicoli blindati dell’esercito egiziano vengono impiegati

L’esercito schierato con il popolo dispone veicoli blindati di fronte ai sostenitori del Presidente Morsi al Cairo, come rivelato dai giornalisti locali alla stampa internazionale. Una fonte militare, citata dall’agenzia ufficiale Mena, ha dichiarato che le truppe si sono impiegate in massa nei quartieri di Nasr City, Héliopolis e nei pressi dell’Università del Cairo.

18H40 Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente morsi denuncia il colpo di Stato militare:

Dopo i ripetuti avvisi di ultimatum dell’esercito e il divieto applicato a molti dirigenti islamici, tra i quali Morsi, il consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente annuncia il golpe militare.

18H30 il Presidente e diversi dirigenti dei fratelli musulmani non possono lasciare il paese

Nel quadro di un’inchiesta su un caso di evasione carceraria nel 2011, secondo le fonti della sicurezza, viene applicato il divieto di lasciare il paese ai fratelli musulmani e al Presidente Morsi.

“Tutti i sospetti implicate nel caso delle evasioni della prigione di Wadi Natroun nel 2011, tra i quali il Presidente Morsi e alcuni dirigenti dei Fratelli musulmani, sono sottoposti al divieto di lasciare il territorio in seguito a una decisione degli alti responsabili della sicurezza”, ha dichiarato una fonte dei servizi di sicurezza.

17h30 Morsi propone un governo di coalizione  

Il Presidente Morsi propone di formare un governo di coalizione e di consenso nel momento in cui riceve un ultimatum dell’esercito che promette di agire se il Presidente ignora le rivendicazioni del popolo. Sulla sua pagina ufficiale di Facebook, Morsi contestato da una parte della popolazione, lancia un disperato messaggio con l’intento di formare il governo di coalizione.

di Manuel Giannantonio
(Twitter @ManuManuelg85)
(Blog: http://postmanuelg85.blogspot.it)

4 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook