Israele: la mascherina nuovamente obbligatoria nei luoghi chiusi in Israele

Israele: la mascherina nuovamente obbligatoria nei luoghi chiusi in Israele
Foto: Pharmaceutical technology

Mentre la variante Delta del Covid-19 sta ancora una volta aumentando la contaminazione nel Paese, le autorità israeliane hanno deciso di ripristinare l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso da questo venerdì 25 giugno, una settimana dopo aver revocato tale obbligo

È di nuovo obbligatorio da venerdì scorso per gli israeliani indossare la maschera nei luoghi chiusi. L’annuncio è stato dato dal ministero della Salute e riportato dai giornali, tra cui Ha’Aretz. Il ministero “raccomanda anche di indossare la maschera in occasione di eventi con un vasto pubblico”, continua il quotidiano israeliano, come per il Gay Pride a Tel Aviv nelle ultime ore.

La mossa, che arriva una settimana dopo la revoca dell’obbligo di mascherina per interni, segue un record di due mesi e mezzo di nuovi casi di Covid-19, ha affermato The Times of Israel. Giovedì 24 giugno 227 persone sono state contagiate dal coronavirus nel Paese. Il 70% di questi nuovi casi è dovuto nelle ultime settimane alla variante Delta del Covid-19, rilevata per la prima volta in India.

 

 

NESSUNA QUARTA ONDATA IN VISTA 

Nonostante questo evidente passo indietro, le autorità israeliane restano rassicuranti. Il capo della lotta al Covid-19 nel Paese, il dottor Nachman Ash, non prevede l’arrivo di “una quarta ondata” in Israele. Ha anche confermato che “per ora non ci saranno ulteriori misure restrittive”. Ha sostenuto, come osserva Ha’Aretz, che un ulteriore contenimento, in particolare, non è utile, dal momento che i precedenti “non sono riusciti a arginare i tassi di infezione”.
Israele è uno dei paesi più vaccinati al mondo e il ministero della salute è desideroso di intensificare ulteriormente la campagna, conclude The Times of Israel. Soprattutto tra i “12-15enni […], già idonei da diverse settimane”, ma in cui il tasso di vaccinazione “rimane basso”, analizza il sito informativo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook