Birmania, il “primo grande test” di Joe Biden a livello internazionale

Birmania, il “primo grande test” di Joe Biden a livello internazionale
Aung San Suu Kyi, leader del Myanmar - Foto: La voce di New York

Solo 24 ore dopo il colpo di stato militare in Birmania, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha reagito minacciando di reimporre le sanzioni revocate negli ultimi dieci anni, come prontamente riferito da Voice of America. Mentre l’esercito birmano sembra avere saldamente il controllo del paese, il nuovo inquilino della Casa Bianca ha chiesto una risposta internazionale per costringere la giunta militare a cedere il potere

BIRMANIA – Per la stampa americana, la crisi birmana rappresenta il primo grande banco di prova per l’amministrazione Biden dopo che il democratico ha promesso durante la sua campagna che avrebbe collaborato maggiormente con gli alleati degli Stati Uniti su questioni internazionali. “Il presidente e il suo team di sicurezza nazionale sono impegnati a ripristinare la leadership degli Stati Uniti su questioni multilaterali vitali”: la crisi in Birmania “è un’opportunità per mantenere la nostra parola”, come confermato dall’autorevole redazione del Washington Post.

“Ciò richiederà una forte azione americana contro i golpisti e il coordinamento di azioni congiunte con altre grandi democrazie, in particolare i paesi alleati degli Stati Uniti in Asia”, sottolineano i giornalisti che ritengono che “il ristabilimento di una dittatura  sarebbe un disastro per la libertà nel sud-est asiatico e un vantaggio per la Cina ”.

PECHINO È COINVOLTA NEL COLPO DI STATO IN BIRMANIA?

In un’analisi pubblicata sul sito di Foreign Policy, il direttore del think tank americano Center for Global Policy, Azeem Ibrahim, si chiede se Pechino non avesse appoggiato il colpo di stato, poiché il diplomatico cinese Wang Yi ha incontrato il mese scorso il generale birmano Min Aung Hlaing. Se la situazione dovesse dimostrarsi tale, sarebbe un segno di “un ulteriore irrigidimento ideologico della democrazia da parte di Pechino”, osserva. Ma “potrebbe anche rappresentare un’opportunità per gli Stati Uniti per riaffermare il proprio ruolo di leader del mondo libero, cosa di cui hanno disperatamente bisogno”, dopo quattro anni di presidenza Trump, nota Azeem Ibrahim.
Secondo la CNN, all’interno dell’amministrazione Biden è in corso un dibattito sull’uso del termine “colpo di stato” per descrivere la situazione di crisi in Birmania. “Il fatto di dichiarare ufficialmente gli eventi in quanto tali obbligherebbe legalmente gli Stati Uniti a tagliare gli aiuti esteri al governo del Paese”, spiega il canale americano. “Gli Stati Uniti non sono legalmente obbligati a dichiarare formalmente che un’acquisizione militare è un colpo di stato, ma l’amministrazione prenderà questa decisione se ritiene che sia nell’interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Stati Uniti a farlo”.

QUAL È IL DESTINO DEI ROHINGYA?

Martedì mattina il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà in un’emergenza per esaminare la situazione in Birmania. Le Nazioni Unite sono particolarmente preoccupate per il fatto che il colpo di stato dell’esercito birmano aggraverà la situazione dei 600.000 membri della comunità musulmana Rohingya ancora presenti nel paese, ha detto lunedì un portavoce dell’istituzione.
La repressione militare contro questa minoranza nel 2017 ha spinto più di 700.000 persone a fuggire in Bangladesh, dove erano bloccate nei campi profughi. L’ONU e le potenze occidentali hanno poi accusato i militari birmani di pulizia etnica, accuse che hanno respinto. “La persecuzione dei Rohingya era già un segno di un fallimento della Costituzione”, osserva il ricercatore Rudabeh Sahid, in un’analisi pubblicata sul sito web di NBC News. Ciò aveva “permesso ai militari di mantenere parte del loro potere ed espandere la loro influenza”. “La comunità internazionale avrebbe dovuto considerare questo come un avvertimento che avrebbe dovuto agire volendo mantenere la democrazia”.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook