Una “crisi umanitaria” minaccia i lavoratori marittimi

Una “crisi umanitaria” minaccia i lavoratori marittimi
Foto: I nuovi vespri

Mentre il 90% del commercio mondiale passa attraverso il mare, agli equipaggi è vietato lo sbarco. Circa 300 aziende e organizzazioni firmatarie della Dichiarazione di Nettuno chiedono che vengano considerati”lavoratori essenziali”.

Svolgono “un ruolo cruciale nel mantenere il commercio mondiale”, afferma la BBC, eppure non sono visti come essenziali nella lotta contro la pandemia. Gli equipaggi della marina mercantile sono al centro di una “crisi umanitaria”, affermano i firmatari della Dichiarazione di Nettuno, che unisce circa 300 aziende e organizzazioni in tutto il mondo.

Mentre “oltre il 90% del commercio mondiale, dagli articoli per la casa alle forniture mediche, viene spedito via mare”, i governi di tutto il mondo spesso vietano agli equipaggi di sbarcare a causa della pandemia.

Møller-Mærsk, il più grande armatore di container del mondo, il gigante MSC (Mediterranean Shipping Company), ma anche le compagnie petrolifere Shell e BP, il gigante del mercato di massa Unilever, il gruppo minerario Rio Tinto, nonché “Vettori marittimi, sindacati e il Forum economico di Davos ”hanno collaborato con la Dichiarazione di Nettuno sin dal suo lancio nel dicembre 2020.

Tutti chiedono che ai marinai non sia più impedito di mettere piede a terra per tornare a casa e che i governi si impegnino a “attuare i protocolli per il cambio dell’equipaggio”. Avvertono l’élite globale riunita (virtualmente) a Davos questa settimana che “ignorare il rischio per il benessere mentale e fisico degli equipaggi minaccia le catene di approvvigionamento globali”.

Per Margi Van Gogh, responsabile logistica e trasporti al Forum di Davos: È necessario che i governi e gli attori chiave agiscano rapidamente e in modo concertato per proteggere le vite e i mezzi di sussistenza degli 1,6 milioni di lavoratori marittimi “.

Secondo la International Chamber of Shipping (ICS) e la International Chamber of Shipowners Bimco, 1,6 milioni di persone prestano servizio su navi mercantili in tutto il mondo. I membri dell’equipaggio “generalmente lavorano dalle dieci alle dodici ore per turno, sette giorni alla settimana, per equipaggiare le navi, con contratti di quattro o sei mesi, seguiti da un periodo di ferie”, come hanno divulgato i media britannici. Ma, con la crisi del Covid-19, “centinaia di migliaia di membri dell’equipaggio trascorrono lunghi periodi in mare, ben oltre la scadenza dei loro contratti”.

Per il Segretario Generale dell’ICS Guy Platten:

È necessario che i governi e gli attori chiave agiscano rapidamente per proteggere le vite e i mezzi di sussistenza degli 1,6 milioni di lavoratori marittimi “.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook