Il Covid limita i viaggi in tutto il mondo

Il Covid limita i viaggi in tutto il mondo
Foto - ap news

Il presidente Donald Trump ha spesso affermato che il suo paese dovrebbe fare meno screening, affermando che i test contribuiscono a diffondere una pessima immagine della gestione della pandemia da parte degli Stati Uniti

Fino ad ora, le persone che non mostravano sintomi di Covid-19 erano invitate a sottoporsi a test solo se state in contatto con un positivo. Oggi non è più così. “Se sei stato in contatto (entro 1,8 metri) con una persona infetta da Covid-19 per almeno 15 minuti ma non stai mostrando sintomi, non hai necessariamente bisogno di un test” , a meno che tu non sia una persona vulnerabile, afferma ora il sito CDC. Gli esperti, naturalmente, hanno reagito con stupore all’ultima modifica. “Ancora non capisco il cambiamento nelle linee guida del CDC”, ha twittato la dottoressa Leana Wen, professoressa alla George Washington University. Gli Stati Uniti sono il paese con il più alto numero di morti con 179.596 decessi e hanno più di un quinto dei casi di tutto il mondo, 5,8 milioni. Ci sono stati ancora 1.249 morti nelle ultime 24 ore, secondo il conteggio della John Hopkins University.

Segue il Brasile con 117.665 morti, per 3,7 milioni di casi. Il bilancio globale delle vittime è ora pari a oltre 820.000 morti dalla fine di dicembre. In totale sono stati registrati quasi 24 milioni di casi. In Argentina, mercoledì è stato raggiunto il record di 10.000 nuovi casi rilevati in 24 ore nel paese, che ha quasi 8.000 morti. In Europa, all’inizio del nuovo anno scolastico, il governo britannico ha rivisto le sue istruzioni su come indossare le maschere al college in Inghilterra, dopo aver affermato che non erano necessarie. Infine, nelle aree ad alta trasmissione del virus, adulti e alunni dovranno coprirsi il viso quando si spostano all’interno delle scuole secondarie.

A circa 9.000 km di distanza, la Corea del Sud è andata oltre confermando da mercoledì per tutte le scuole di Seoul e della sua regione l’istruzione a distanza.
Secondo un rapporto Unicef ​​pubblicato mercoledì, la pandemia Covid-19 e la chiusura delle scuole hanno fatto sì che almeno un terzo degli studenti in tutto il mondo, ovvero 463 milioni di bambini, non abbia potuto beneficiare di un insegnamento, poiché nell’impossibilità di connettersi ad internet. In Francia, teatro anche di un aumento delle contaminazioni (oltre 5.000 in 24 ore, record dalla fine del confino a maggio), è stato deciso anche a Marsiglia, la seconda città più popolosa, un rafforzamento delle misure contro Covid.

Indossare una maschera è obbligatorio da mercoledì sera, bar e ristoranti devono chiudere alle 23:00 locali (21:00 GMT) in tutto il dipartimento delle Bouches-du-Rhône, di cui questo agglomerato è la capitale. Quanto alla capitale Parigi, è stata aggiunta al Belgio nella lista delle destinazioni europee non più autorizzate, a meno che non subiscano un ritorno allo screening per il coronavirus e un periodo di isolamento. Il primo ministro francese Jean Castex mercoledì ha invitato i suoi connazionali “nello spirito di responsabilità” a indossare la maschera protettiva. La Germania da parte sua ha annunciato mercoledì che manterrà i suoi avvisi di viaggio fino al 14 settembre, che si applicano alla maggior parte dei paesi al di fuori dell’UE. E la Norvegia sconsiglia viaggi “non essenziali” in territorio tedesco. Nel frattempo, continuano gli studi sul Covid-19. Uno di loro, pubblicato mercoledì, conclude che la risposta immunitaria delle donne potrebbe essere più forte di quella degli uomini, più colpiti da forme gravi.

Inoltre, secondo un altro studio del ministero della Difesa britannico, un prodotto contro le zanzare, il cui principio attivo proviene dall’eucalipto, si è dimostrato efficace nel neutralizzare il nuovo coronavirus. Il virus continua ad affliggere le economie, in particolare i settori dell’aviazione e del turismo, che dovrebbero richiedere diversi anni per riprendersi. Air New Zealand ha annunciato perdite per 300 milioni di dollari nel corso dell’anno.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook