Sud Africa: Mandela ricoverato in stato grave

Sud Africa: Mandela ricoverato in stato grave

mandelaL’ex Presidente sud africano Nelson Mandela, 94 anni, è stato di nuovo ospedalizzato sabato sera per un’infezione polmonare. “Questa mattina verso le 1h30 il suo stato si è deteriorato ed è stato trasferito in un ospedale di Pretoria. Il suo stato è sempre preoccupante ma stabile”, ha indicato il presidente Jacob Zuma in un comunicato. Un portavoce del governo ha precisato un po’ più tardi alla televisione sud africana che la situazione questa volta è grave.

Madiba”, come lo chiamano affettuosamente i suoi compatrioti, festeggerà i suoi 95 anni a luglio. Già ospedalizzato questa primavera, è apparso molto indebolito nelle ultime fotografie che sono filtrate a fine aprile, nell’occasione di una visita di una delle più grandi cariche del paese.

“Il Presidente riceve cure specializzate e i medici fanno il possibile perché si senta meglio”, ha proseguito la presidenza, prima di aggiungere: ”Il Presidente Zuma, in nome del governo e di tutta la nazione, augura a Madiba una guarigione rapida e chiede ai media e al pubblico di rispettare l’intimità di Madiba e della sua famiglia”.

L’eroe della lotta all’Apartheid, premio Nobel per la pace nel 1993, è stato il primo Presidente nero del Sud Africa. L’infezione polmonare potrebbe essere stata contratta durante il periodo trascorso sull’isola prigione di Robben island. Proprio in questo luogo ha passato diciotto anni dei ventisette di detenzione durante il regime dell’Apartheid, lavorando ordinariamente in campi pieni di polvere.

Nel 2012, Madiba si è ritirato nel suo villaggio d’infanzia di Qunu, nella regione rurale orientale del paese, ma è stato ricondotto in aereo a Pretoria per motivi di salute. All’uscita dell’ospedale, i suoi medici e i suoi famigliari hanno deciso di lasciarlo nella sua residenza di Johannesburg (a 60 km da Pretoria) per concedergli la possibilità di restare in prossimità delle strutture più all’avanguardia del paese. La salute di Nelson Mandela è ormai un soggetto d’inquietudine ricorrente in Africa del Sud, dove tutti sanno che l’eroe nazionale certamente non è immortale.

Mandela, che non è più apparso in pubblico dal 2010, si è completamente ritirato dalla vita politica e non ha più espresso nessuna opinione pubblica da anni. Resta tuttavia un idolo venerato per aver evitato l’esplosione di violenza razziale durante il passaggio tra il regime segregazionista e la democrazia nel 1994.

di Manuel Giannantonio
(Twitter @ManuManuelg85)
(Blog: http://postmanuelg85.blogspot.it)
8 giugno 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook