Covid-19: G20 alleggerisce l’onere del debito per i paesi poveri

Covid-19: G20 alleggerisce l’onere del debito per i paesi poveri
Fonte immagine: g2r

I paesi del G20 hanno deciso di sospendere per alcuni mesi il pagamento degli interessi sul debito dei paesi più poveri. L’obiettivo: consentire a questi stati di concentrare i propri sforzi sulla lotta contro la pandemia.

La decisione, annunciata in una videoconferenza, si applicherà dal 1 ° maggio fino alla fine dell’anno. “Tutti i creditori bilaterali ufficiali parteciperanno a questa iniziativa”, ha affermato il G20, invitando i creditori privati a partecipare a questo sforzo. Questa misura, tanto più importante dal momento che il G20 conta tra i suoi membri la Cina, uno dei principali creditori dell’Africa, dovrebbe coinvolgere 76 paesi e 20 miliardi di dollari in rimborsi.

Il tempo stava per scadere. “In fuga da attività rischiose, gli investitori hanno già ritirato quasi 100 miliardi di dollari dai mercati emergenti in un mese. Un importo record, osserva il Washington Post. Molti di questi paesi sono anche colpiti dal calo dei prezzi delle materie prime che esportano e dalle catene di approvvigionamento disorganizzate ” Oltre la semplice solidarietà, è nell’interesse dei paesi avanzati – compresi gli Stati Uniti – preoccuparsi dei meno privilegiati, spiega il quotidiano americano.
“Se le inadempienze sul debito sovrano si verificano in maniera anarchica, il prezzo delle azioni e delle obbligazioni deraglierebbe a Wall Street, avverte il Washington Post. Una grande ondata di migranti illegali che fuggono dalla povertà e dalle malattie è probabile che richiedano asilo. E i paesi che affrontano il caos potrebbero servire da focolaio per il coronavirus, causando ondate di contagio che potrebbero paralizzare l’economia globale per gli anni a venire. ”
Come riassume Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI), intervistato dal Washington Post:“I problemi circolano. Non rimangono confinati nello stesso posto. Questa pandemia non finirà fino a quando non sarà portata sotto controllo ovunque. ”
L’FMI ha anche annunciato aiuti di emergenza dal 13 al 25 aprile tra i paesi più poveri del mondo. Fondamentalmente, darà loro dei soldi in modo che possano ripagarlo, per sei mesi, il debito che hanno contratto con l’istituzione. L’obiettivo è consentire loro di “dedicare più delle loro scarse risorse finanziarie alle cure mediche e ad altre attività di soccorso salvavita”, ha affermato una nota.
Oltre 90 paesi hanno richiesto l’assistenza del FMI.

Foto: France 24

Questo aiuto, che proviene dal fondo fiduciario di soccorso e risposta alle catastrofi, attualmente dotato di 500 milioni , andrà a beneficio dei seguenti paesi: Afghanistan, Benin, Burkina Faso, Comore, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau, Haiti, Isole Salomone, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mozambico, Nepal, Niger, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, , Sierra Leone, Tagikistan, Ciad, Togo e Yemen.

Dallo scoppio della crisi del coronavirus, “oltre 90 paesi hanno chiesto assistenza al FMI. I paesi emergenti e in via di sviluppo avranno bisogno di almeno 2,5 trilioni di dollari per pagare le bollette “, ha affermato il Washington Post. Sempre il 13 aprile, la Banca asiatica di sviluppo ha annunciato da parte sua che avrebbe triplicato la quantità della dotazione destinata ad aiutare i suoi paesi membri ad attenuare lo shock economico causato dalla pandemia di Covid-19. Secondo il Financial Times, questo finanziamento ammonta ora a 20 miliardi di dollari.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook