MALTA: L’INCHIESTA SU DAPHNE CARUANA FA TREMARE IL GOVERNO

MALTA: L’INCHIESTA SU DAPHNE CARUANA FA TREMARE IL GOVERNO
La giornalista uccisa Daphen Carrua - Foto: BBC

Due dimissioni, un ritiro e un primo ministro sotto pressione: martedì il governo maltese è stato coinvolto drammaticamente dalle indagini sull’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia.

MALTA – È stato “uno dei giorni più tumultuosi della storia politica di Malta”, scrive The Times of Malta: nel giro di poche ore, il ministro del turismo, “Konrad Mizzi, si è dimesso, mentre il suo collega Chris Cardona (Ministro dell’Economia) è andato in congedo”. Keith Schembri, capo di stato maggiore del primo ministro Joseph Muscat, è stato anch’egli costretto a dimettersi, prima di essere “convocato dalla polizia per interrogatorio” al mattino, ha aggiunto il giornale

Queste partenze “seguono una serie di arresti, sulla scia della ricerca dei responsabili dell’assassinio di Caruana Galizia, una famosa giornalista investigativa, uccisa nell’esplosione della sua auto, vicino a casa sua, nell’Ottobre 2017 “, ricorda The Guardian. Dopo le rivelazioni fornite da un intermediario, sotto copertura dell’immunità, gli investigatori hanno arrestato la scorsa settimana, l’uomo d’affari Yorgen Fenech, oggi considerato uno dei principali sospettati.

Fenech ha anche iniziato a parlare e “ha detto agli investigatori di avere prove incriminanti” contro Mr. Schembri, con il quale ha avuto una conversazione telefonica prima di essere arrestato, dice al Times di Malta. Gli occhi ora si rivolgono al primo ministro Joseph Muscat, sebbene finora non abbia “nessuna intenzione di dimettersi”, osserva Euronews. “Continuerò a prendere le decisioni e garantirò la stabilità di questo paese”, ha affermato.

Le richieste di dimissioni, tuttavia, si sono moltiplicate martedì e The Guardian ritiene che “il Primo Ministro sta ora combattendo per la sua sopravvivenza politica”. Per il vice primo ministro Chris Fearne, il danno causato dallo scandalo sarebbe “quasi irreparabile”.
Il sito web Malta Today riporta che diverse associazioni di giornalisti, tra cui Reporter senza frontiere e Transparency International, hanno espresso la loro “preoccupazione” per le dichiarazioni di Muscat: “Mettendosi al centro delle indagini fa aleggiare lo spettro di indebite interferenze da parte dell’esecutivo nelle indagini “.

Per quanto riguarda l’ONG Aditus per i diritti umani, oggi hanno affermato che “la nazione può iniziare a curare le sue ferite con le dimissioni di Mr. Muscat”.
La gente e le strade del paese sembrano condividere questa opinione, secondo The Malta Independent. All’annuncio delle dimissioni, migliaia di persone “si sono radunate davanti al Parlamento per gridare” mafia “, chiedendo le dimissioni del Primo Ministro” e gettando sulla sua macchina uova, carote e carta igienica. “I manifestanti hanno anche gridato” prigione “,” vergogna “,” giustizia “e” corruzione “. Gli imprenditori maltesi hanno anche espresso la loro sfiducia nel potere, come notato dalla BBC. In una dichiarazione, la Camera di commercio ha ricordato la preoccupate “misura in cui l’attività criminale si è infiltrata nei circoli del potere e ha operato per anni nell’indifferenza generale.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook