TURCHIA: paese pronto per l’operazione in Siria

TURCHIA: paese pronto per l’operazione in Siria
Foto: BBC

La Turchia ha dichiarato martedì di essere pronta a lanciare una nuova offensiva in Siria contro una milizia curda appoggiata dalla capitale statunitense, nonostante abbia inviato segnali contraddittori da Donald Trump alimentando di fatti l’evidente confusione sulla posizione degli Stati Uniti

ANKARA – “Tutti i preparativi per un’operazione sono stati completati”, ha detto martedì il Ministero della Difesa turco, aggiungendo che era imminente un’offensiva di Ankara contro le Unità di protezione popolare (YPG). La tensione nella Siria nord-orientale, che è stata viva per diversi mesi, è ancora in crescita dopo che la Casa Bianca ha annunciato domenica notte che i militari statunitensi di stanza nell’area sarebbero stati ritirati per un Operazione turca. Accusato di liberare alleati statunitensi, il presidente Trump ha corretto il tiro lunedì circa il suo discorso dicendo che “distrugge completamente l’economia della Turchia” se “superasse i limiti “.

Spazzando questi avvertimenti, il vicepresidente turco Fuat Oktay ha dichiarato martedì che la Turchia “non è un paese che agisce in base alle minacce”. “Quando si tratta della sua sicurezza (…), la Turchia sta seguendo il suo percorso”, ha aggiunto. Secondo il quotidiano turco Hürriyet, un’operazione potrebbe iniziare nei prossimi giorni, il personale turco in attesa del ritiro delle forze statunitensi presenti in quest’area è completato. La Turchia ha in programma di prendere il controllo di una striscia di territorio lunga 120 km e profonda circa trenta km dalle città di Tal Abyad a Ras al-Ain, secondo Hürriyet. Alla fine, Ankara intende creare una “zona di sicurezza”, una specie di riserva profonda 30 km che si estende dall’Eufrate al confine iracheno, 480 km.
Questa zona intende, secondo la capitale turca, ospitare parte dei 3,6 milioni di rifugiati siriani in Turchia e separare i territori di confine turchi conquistati dall’YPG nel pieno caos siriano. Mentre i paesi occidentali sono grati all’YPG per il loro ruolo di leader nella sconfitta militare del gruppo dello Stato Islamico (IS) in Siria, Ankara li considera “terroristi” a causa dei loro legami con il Partito dei lavoratori del Kurdistan. (PKK) che conduce una guerriglia in Turchia.

Ad agosto, la Turchia e gli Stati Uniti, due alleati della NATO, hanno concordato di creare insieme questa “zona sicura”. Ma Ankara non ha smesso di denunciare i ritardi, minacciando di passare unilateralmente all’azione. Ed è stato dopo una conversazione telefonica tra il signor Trump e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan su questo tema che la Casa Bianca ha improvvisamente annunciato domenica sera che gli americani si sarebbero ritirati dalla zona. “È tempo (…) di portare a casa i nostri soldati”, ha successivamente twittato il presidente Trump, sostenendo l’idea di un ritiro più ampio, se non totale, dalla Siria.

Questa decisione ha provocato un tumulto negli Stati Uniti, anche tra i repubblicani, come l’influente senatore Lindsey Graham che ha invitato Trump a “tornare” su questo ritiro “disastroso”. Sotto forte pressione per le voci di “impeachment”, il miliardario americano ha esortato la Turchia a “non superare i limiti” stabiliti nella sua “grande e ineguagliata saggezza”. Allo stesso tempo, i funzionari statunitensi hanno cercato di distinguersi da qualsiasi operazione militare ad Ankara e di ridurre al minimo la partenza delle truppe statunitensi, citando la semplice ridistribuzione da 50 a 100 membri delle forze speciali.Tuttavia, questa confusione preoccupa il resto della comunità internazionale, le Nazioni Unite hanno affermato lunedì di “prepararsi al peggio” in caso di una nuova crisi umanitaria in Siria, dove dal 2011 il conflitto ha causato milioni di sfollati ed è costato più vite. 370.000 persone.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook