Colombia: si torna a combattere le FARC riarmate

Colombia: si torna a combattere le FARC riarmate
Foto CMP.COM

COLOMBIA – Il presidente colombiano Iván Duque ha lanciato un’offensiva contro gli ex leader della guerriglia delle FARC. Con l’intento di rispondere, ha creato un’”unità speciale” promettendo generose ricompense per il loro arresto

Il video di trentadue minuti trasmesso giovedì mattina in cui l’ex numero due delle FARC, Iván Márquez, affiancato dal suo braccio destro, Jesús Santrich, annuncia la ripresa della lotta armata ha immediatamente scatenato condanne quasi unanimi sia dalla Colombia sia all’interno della comunità internazionale. In un discorso, Duque – vicino all’ex presidente Uribe e molto critico nei confronti dell’accordo di pace firmato nel 2016 dal suo predecessore, Juan Manuel Santos – ha promesso di assegnare un premio di “3 miliardi di pesos “(circa 7.000 euro) per qualsiasi informazione che porti alla cattura di” ciascuno dei trasgressori di questo video “, come riferito da El Tiempo.

Il presidente colombiano, inoltre, ha anche descritto Márquez e il suo entourage come “banda di narcotoristi”, sostenuti dal presidente venezuelano Nicolás Maduro, come riporta  El País. Secondo il quotidiano spagnolo, Duque ha parlato con Juan Guaidó, autoproclamato presidente del Venezuela – riconosciuto da oltre 50 paesi nel mondo – che avrebbe deplorato “l’uso del territorio venezuelano” per cercare di far rivivere i guerriglieri in Colombia. In un editoriale, la BBC Mundo afferma che “l’annuncio da parte di Iván Márquez di un ritorno alle armi era prevedibile, ma è comunque un duro colpo per il processo di pace colombiano”.
“Come nella società civile colombiana, ci sono sempre state correnti nelle FARC che si oppongono al processo di pace. Oggi abbiamo la conferma che, nonostante il paradosso di essere stato il principale negoziatore del gruppo armato, Iván Márquez è stato uno di loro “, continua la radio britannica.

Il partito politico FARC dopo l’accordo di pace,ha condannato senza mezzi termini la mossa di Márquez, definendolo un “errore delirante”, secondo El Espectador. “Gli accordi di pace incarnano il desiderio del popolo colombiano di porre fine al conflitto e seminare la speranza di un consolidamento definitivo della pace e della giustizia sociale nel nostro paese”, scrive il partito. La comunità internazionale ha espresso preoccupazione per una possibile rinnovata violenza, osserva il Voz de América. “Nessuno vuole vedere la Colombia arretrare”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite, esortando i responsabili della pace a “riaffermare il loro impegno ad andare avanti per garantire pace e stabilità”. paesi. L’Unione europea (UE), che sostiene e finanzia l’accordo di pace, invece, teme il ritorno della violenza in un paese che “ha già sofferto molto”, riferisce RNCRadio.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook