Gran Bretagna: soldato decapitato per strada a Londra, torna l’incubo terrorismo

Gran Bretagna: soldato decapitato per strada a Londra, torna l’incubo terrorismo

_67763671_machete2L’incubo del terrorismo internazionale non è mai scomparso del tutto nonostante si sia affievolito negli ultimi anni sembra ora essere tornato di primaria importanza. Come se non fosse bastato, dopo l’attentato di Boston ora sopraggiunge questo terribile episodio consumatosi nelle strade di Woolwich nella capitale londinese. Due uomini presumibilmente di matrice islamica, hanno ucciso accoltellando un soldato britannico per poi decapitarlo in una macabra esecuzione pubblica.

Il Primo ministro britannico David Cameron ha presidiato giovedì mattina una riunione per studiare eventuali misure di sicurezza dopo il brutale omicidio avvenuto a Woolrich dove un soldato britannico è stato pugnalato per strada da due uomini che si sono successivamente rivendicati come appartenenti all’estremismo islamico.

“Non era solo un attacco contro la Gran Bretagna e il modo di vivere tipicamente britannico. Questo è stato anche un tradimento dell’Islam e della comunità musulmana che tanto porta al nostro paese”, ha dichiarato il Primo ministro durante una conferenza stampa davanti a Downing Street. Da mercoledì sera Downing Street ha annunciato un rinforzo della sicurezza nel quartier Sud-Est di Londra, dove è avvenuto il dramma, così come in tutte le caserme britanniche.

Dopo l’efferato omicidio di mercoledì a Woolwich, le testimonianze sono semplicemente agghiaccianti. “Hanno attaccato l’uomo a colpi di coltello come fosse un volgare pezzo di carne”, “L’ hanno tagliato … Quegli uomini sono completamente matti. Dei veri animali. Hanno portato il corpo lungo un marciapiede fino in mezzo alla strada”, si può leggere nelle pagine del quotidiano “The Independent”.

Il Tabloid “The Sun”, che contiene una foto di uno degli assassini con le mani visibilmente sporche di sangue, riprende una frase dell’omicida e titola: “Abbiamo ucciso questo soldato britannico. Occhio per occhio, dente per dente”. Il tabloid inoltre, rivela quella che pensa essere l’identità dell’uomo, si tratterebbe di un uomo di origini nigeriane, Michael Adebolajo. La polizia sta attualmente cercando le sue tracce nell’Essex.

Sulla BBC, il colonello Richard Kemp, un’ex comandante delle forze britanniche in Afghanistan che ha assistito alla riunione con David Cameron, ha evocato la questione di una ben più ampia organizzazione. “Per me questo dramma è fonte di nuove inquietudini. Da tempo temuto dalle forze di sicurezza, questo modo di agire isolato potrebbe stimolare nuovi individui a tentare la sorte”.

Il comportamento di una madre di famiglia, Ingrid Loyau-Kennett è stato coraggioso. La donna si è avvicinata a una distanza pericolosa dall’uomo chiedendogli perché hanno agito e ha rivelato qualche istante dopo, che voleva deconcentrarli e attirare la loro attenzione per impedire loro di prendersela con qualche altro passante. Sfortunatamente molte madri con i loro bambini si sono fermate per osservare la raccapricciante scena.

La metropoli londinese ora è immersa nella paura e nel terrore. Per diversi esperti britannici, questo atto è figlio dei “lupi solitari” indottrinati nei forum online che diffondono i video sanguinosi di decapitazioni ed esecuzioni filmati in Siria, in Afghanistan o in Iraq da gruppi che condividono l’ideologia radicale di Al Qaeda.

di Manuel Giannantonio

23 maggio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook