El SALVADOR: I salvadoregni eleggono il sesto presidente dopo la fine della guerra civile

El SALVADOR: I salvadoregni eleggono il sesto presidente dopo la fine della guerra civile
Nayib Bukele -Foto: Latino Media

I salvadoregni eleggono domenica il loro sesto presidente dalla fine della guerra civile che ha insanguinato il loro paese per 12 anni, con l’obbligo, tra gli altri, della sobrietà attraverso la legge che vieta il consumo di alcolici

EL SALVADOR – Il sondaggio vede due giovani lupi della politica honduregna scontrarsi per un mandato presidenziale quinquennale non rinnovabile. Secondo gli ultimi sondaggi consentiti due settimane prima delle elezioni, l’ex sindaco di San Salvador Nayib Bukele (37) è in testa alla corsa sotto la bandiera del partito conservatore Grande Alleanza per l’Unità (Gana). Segue il ricco uomo d’affari Carlos Calleja (42 anni), diamante del Partito nazionalista dell’Alleanza repubblicana di destra (Arena), la maggioranza in Parlamento.

Il presidente uscente Salvador Sanchez Ceren rischia di perdere il suo delfino. Candidato del Farabundo Martí partito di sinistra per la Liberazione Nazionale (FMLN), l’ex ministro degli Esteri Hugo Martinez è relegato ad un terzo posto umiliante dopo un decennio al potere di ex guerriglieri. Le urne si apriranno alle 07:00 ora locale (13:00 GMT). Secondo i sondaggi, almeno la metà dei 5,2 milioni di votanti registrati dovrebbero affidarsi a Nayib Bukele. I salvadoregni sono stati costretti da venerdì sera alla “legge secca”, che proibisce la vendita e il consumo di alcolici fino al giorno successivo alle elezioni.

Un secondo round tra i due candidati principali si terrà il 10 marzo se nessuno ottiene domenica la maggioranza assoluta dei voti. Se la giovane promessa della politica salvadoregno nayib bukele vince, dovrà governare e stringere un’alleanza con la maggioranza parlamentare dall’Arena, almeno fino alle elezioni parlamentari del 2021. La prima sfida per il prossimo presidente sarà la violenza delle bande criminali, responsabile di quasi tutti i 3340 omicidi che hanno colpito il paese l’anno scorso. Con un tasso di 51 omicidi ogni 100.000 abitanti, El Salvador è uno dei paesi più violenti al mondo al di fuori delle zone di guerra.

I diversi governi di sinistra e destra hanno giocato a turno la carta della repressione e della negoziazione con le bande criminali, senza essere in grado di trovare una soluzione. Questa violenza spinge ogni anno migliaia di salvadoregni a fuggire dal loro paese. Erano più di 3.000 a prendere la strada in “caravan” per il sogno americano in ottobre e novembre 2018, con grande dispiacere del presidente Donald Trump.

L’economia ormai “dollarizzata” si è arrestata e il 30,3% dei 6,6 milioni di salvadoregni vive al di sotto della soglia di povertà. Se El Salvador ha registrato la crescita più forte dell’anno scorso degli ultimi cinque anni al 2,6%, è insufficiente di fronte a una dinamica demografica crescente. Per Zulma Barrientos, dipendente di un supermercato di 27 anni a San Salvador, “a prescindere dal colore politico” del prossimo presidente, vuole “un paese migliore per tutti”.

Un’aspirazione su cui punta evidentemente il favorito dei sondaggi, Nayib Bukele. Eletto sindaco di San Salvador (2015-2018) sotto la bandiera del FMLN prima di promette un cambiamento visibile dopo il passaggio dei poteri dal Arena e gli ex guerriglieri.

[email protected]

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook