Dallo schiavismo sessuale al Nobel per la pace, la storia di Nadia Murad

Dallo schiavismo sessuale al Nobel per la pace, la storia di Nadia Murad
In foto: Nadia Murad

Dopo mesi da sopravvissuta alle violenze del sedicente Stato islamico per mano dei jihadisti in Iraq, Nadia Murad, ha ricevuto lunedì il premio Nobel per la pace consacrandosi peraltro come portavoce rispettato per la minoranza yazidie rompendo un lungo silenzio

OSLO –  Viso fino, grazioso e pallido incorniciato da lunghi capelli castani, questa giovane 25enne ha ricevuto il premio congiuntamente al medico congolese Denis Mukwege, per gli sforzi profusi con l’intenzione di “porre fine all’uso della violenza sessuale come arma di guerra”.

Si tratta della prima persona irachena a ricevere il prestigioso premio, Nadia Murad oggi continua la “lotta” per i paesi europei che ospitano sfollati yazidi e persecuzioni commesse nel 2014 dal gruppo jihadista dello Stato Islamico . “Sono una persona ottimista e aperta di natura”, ha detto domenica ad Oslo alla vigilia della cerimonia dei Nobel. “Da quattro anni, vivo in Germania, è un posto sicuro, ma vivo ancora nella paura”, ha aggiunto. In questo caso, gli yazidi hanno un alleato importante: Amal Clooney, avvocato libanese-britannica e attivista per i diritti umani che ha firmato la prefazione del suo libro.

Rapita dall’ISIS, Nadia Murad, come migliaia di altre ragazze e donne della sua comunità, ha dovuto subire torture, stupri di gruppo, vendite multiple e delle rivendite sui mercati di schiavi di jihadisti nel 2014. Quell’anno, IS riuscì a catturare vaste aree del paese con un’offensiva abbagliante. Ad agosto, è il villaggio di Nadia Murad vicino al bastione yazidi di Sinjar (nord), che è preso d’assalto dai jihadisti. Quell’anno, Daesh (isis) riuscì a catturare vaste aree del paese con un’offensiva. Ad agosto, il villaggio di Nadia Murad vicino al bastione yazidi di Sinjar (nord), è preso d’assalto. Hanno preso d’assalto Kosho, hanno ucciso uomini, trasformato il ​​più giovane bambino in soldato e condannati migliaia di donne al lavoro forzato e la schiavitù sessuale. Come altre donne, Nadia Murad è stata portata con la forza a Mosul (a nord), roccaforte dell’ISIS in Iraq.

“Incapace di sopportare così tanti stupri e violenze”, secondo le sue stesse parole, è fuggita con l’aiuto di una famiglia musulmana di Mosul. Con documenti di identità falsi, si è unita a un campo di sfollati in Kurdistan, a poche decine di chilometri a est di Mosul. Una volta lì, dopo aver appreso della morte di sei dei suoi fratelli e di sua madre, contattò un’organizzazione di aiuti yazidi che l’aiutò a trovare sua sorella in Germania.

 

Attraverso un discorso toccante tenuto presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York, è stata nominata “ambasciatore delle Nazioni Unite per la dignità delle vittime del traffico di esseri umani”. I jihadisti volevano “prendere il nostro onore ma hanno perso il loro”, ha dichiarato. Nadia Murad dice che mancano ancora più di 3000 Yazidie, probabilmente ancora prigionieri. Lei si trovava ad Harvard quando il Comitato per il Nobel ha chiamato il 5 ottobre per annunciare il suo premio. “Ho pensato a mia madre e ho pianto molto”, ricorda.

Per lei, “la giustizia non significa uccidere tutti i membri del sedicente Stato islamico che hanno commesso questi crimini”, ma di “portarli davanti a un tribunale di diritto, ad ammettere i loro crimini contro i yazidi e punire questi crimini.” Per i combattenti dello Stato islamico, l’acronimo arabo per IS, e la loro interpretazione ultra-rigorosa dell’Islam, gli yazidi sono eretici. I kurdofoni, fedeli di questa ancestrale religione esoterica credono nell’unico Dio e nel “capo degli angeli”, rappresentato da un pavone. Nadia si occupa di accogliere regolarmente gli yazidi, in Germania diventa ascolto portavoce per il suo popolo, che contavano 550.000 membri in Iraq prima del 2014. Quasi 100.000 hanno lasciato il paese mentre altri sono sfollati in Kurdistan.

[email protected]

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook