UE – Brexit: Madrid minaccia di porre il veto all’accordo

UE – Brexit: Madrid minaccia di porre il veto all’accordo
Il premier britannico Theresa May il capo governo spagnolo Pedro Sánchez – Foto: Daily Telegraph

Il capo del governo spagnolo, Pedro Sánchez, ha dichiarato giovedì, dopo una conversazione con il primo ministro britannico Theresa May, che la Spagna si sarebbe opposta all’accordo di divorzio se non avesse ottenuto causa sulla questione di Gibilterra.

Madrid – In seguito all’acceso dibattito sul confine settentrionale irlandese, il destino di Gibilterra può ora vanificare le possibilità di un accordo sulla Brexit? Il governo spagnolo ha affermato in diverse occasioni di non appoggiare il trattato sulla Brexit di domenica se il testo non si impegna a negoziare in modo vincolante il futuro di Gibilterra. con Londra, come riferisce il quotidiano spagnolo El Mundo.

Il capo del governo spagnolo, Pedro Sánchez, chiede da diversi giorni che questo principio sia messo nero su bianco nell’accordo di uscita del Regno Unito dall’UE, come nella dichiarazione politica sulle future relazioni tra Londra e Bruxelles. Tuttavia, evidentemente questa idea non piace ai suoi partner europei, che sospettano che Sánchez abbia intrapreso una manovra politica per stabilire la sua autorità prima delle elezioni regionali in Andalusia.

 

Giovedì, il Segretario di Stato per l’Unione Europea, Marco Aguiriano, è arrivato al punto di accusare apertamente Londra di “tradimento”, come dettagliato da La Vanguardia. La Spagna in effetti accusa il Regno Unito di introdurre nell’accordo di ritiro una clausola che garantisca che Gibilterra sia coperta da un futuro accordo commerciale negoziato con Bruxelles. Questa “escalation verbale sul futuro di Gibilterra” tra Regno Unito e la Spagna “potrebbe far deragliare” il progetto di accordo di Theresa May, riferisce il The Guardian.

Giovedì sera, prima che il capo del governo spagnolo sia partito alla volta di Cuba, il primo ministro britannico ha cercato di dialogare con il suo omologo spagnolo, senza successo. “Dopo la mia conversazione con Theresa May, le nostre posizioni rimangono distanti”, ha twittato Pedro Sánchez quando è arrivato a L’Avana, e “se non ci saranno cambiamenti, faremo il veto alla Brexit”, ha ribadito. Questo nuovo “avvertimento acquisisce il significato di un’opposizione più marcata perché il margine negoziale prima della riunione dei capi di Stato e di governo a Bruxelles è esaurito”, ha dichiarato giovedì sera il quotidiano spagnolo El País. In effetti, la Spagna non ha realmente il diritto di veto, l’articolo 50 del trattato europeo disciplina l’uscita di uno Stato membro a condizione che l’accordo di ritiro debba essere approvato non all’unanimità ma da una maggioranza qualificata degli Stati membri. I leader europei, tuttavia, vorrebbero continuare a presentare un fronte unito contro Londra come hanno fatto dall’inizio dei negoziati.

 

Twitter: @ManuManuelg85

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook