Borse, volano i titoli bancari

Borse, volano i titoli bancari

Molto positivo l’andamento dei titoli di Piazza Affari e, in particolare, di quelli bancari. Nella giornata di oggi, la Borsa di Milano guadagna in misura considerevole (+2,8 per cento), in linea con tutte le Borse europee, che dopo una partenza in rosso hanno recuperato la parità per poi spingersi sul segno più (Parigi guadagna l’1,1 per cento, Francoforte l’1,4 per cento). Situazione diversa invece per Londra, che si mantiene debole, guadagnando solamente lo 0,2 per cento, a causa della perdita di fiducia dei consumatori britannici dopo la Brexit. Tra i titoli italiani bancari volano Banco Popolare (+14 per cento), Bper (+9,9 per cento), Unicredit e Intesa Sanpaolo (entrambe a +7 per cento). Positiva anche Mps (+4,2 per cento), sebbene l’istituto sia in attesa di novità sul piano di dismissione degli Npl.

“Il fondo Atlante è una soluzione per le sofferenze delle banche, anche per Mps”. Sono le parole del consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, pronunciate prima dell’assemblea dell’Abi. Messina ha aggiunto che “si sta lavorando ad Atlante 2”, il fondo dedicato esclusivamente ai crediti deteriorati, ricordando tra l’altro come Banca Intesa abbia contribuito con circa 1,5 miliardi di euro alla tenuta del sistema “con 800 milioni su Atlante e 600 per le 4 banche in risoluzione”.

Per quanto riguarda i mercati asiatici, le Borse orientali perdono terreno a causa del calo della moneta della Malesia (ringgit) e del petrolio, che viene scambiato sotto i 46 dollari al barile. Debole anche il dollaro, dopo un rapporto sul mercato del lavoro negli Usa, mentre i terribili attacchi contro la polizia a Dallas hanno contribuito a sostenere sensibilmente la domanda di beni rifugio. L’indice Msci Asia Pacifico scende dello 0,5 per cento, aggiornando il calo settimanale oltre l’1 per cento. In discesa anche i mercati a Tokyo, con il Nikkei che cede l’1,11 per cento, aggiudicandosi la maglia nera dei mercati asiatici.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook