Renzi Salva Roma Capitale

Renzi Salva Roma Capitale

Renzi-salva-roma-capitaleSalvataggio in extremis per il Comune di Roma. Dopo le tensioni della scorsa settimana tra il sindaco capitolino Ignazio Marino ed il neo –premier Renzi; dopo le minacce di bloccare la città; finalmente il clima si è notevolmente disteso. Il “disgelo” tra Marino e Renzi è dovuto al via libera del Governo su un nuovo decreto, cd “Salva Roma ter”, recante urgentissime disposizioni che serviranno ad evitare il default della Capitale.

Con il Salva- Roma si anticipano alla gestione ordinaria del Campidoglio 570 milioni di euro che non verranno considerati tra le entrate finali e non saranno quindi rilevanti ai fini del patto di Stabilità Interno. Tale importo potrà consentire l’equilibrio finanziario di Roma Capitale per gli anni 2013 – 2014.

Le cose , tuttavia, non saranno così semplici per Ignazio Marino ed i suoi. Salvataggio si, ma con una condizione: il Comune di Roma avrà 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale per produrre un “convincente” piano di rientro da un deficit che oramai ammonta ad un miliardo e trecento milioni di euro. Il piano così predisposto dovrà poi essere trasmesso ai Ministeri dell’Interno e dell’Economie e delle Finanze, nonché alle Camere al fine di consentire la verifica della sua attuazione.

Per poter rientrare dal debito il comune di Roma dovrà procedere essenzialmente a liberalizzazioni e dismissioni immobiliari.

Il Campidoglio in effetti ha già cominciato a lavorare in vista del risanamento. Si apprende che l’assessore al bilancio Daniela Morgante avrebbe già chiesto agli assessorati di tirare la cinghia riducendo le spese di circa il 40%. Stesso giro di vite toccherà alle società Atac ed Ama (rispettivamente trasporto pubblico e raccolta dei rifiuti). Tra gli altri provvedimenti previsti , inoltre, c’è anche la dismissione del patrimonio immobiliare del Campidoglio che, secondo le stime, potrebbe generare un guadagno di 250 milioni di Euro.


Maria Danila Puorto

3 marzo 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook