Mega rissa fuori da una discoteca a Genova: muore 20enne. Due feriti, uno grave

Mega rissa fuori da una discoteca a Genova: muore 20enne. Due feriti, uno grave

manifestazione-polizia-per-sicurezzaGENOVA – Una lite, scaturita per una banalità, questa mattina verso le 7 all’esterno della discoteca “Las Vegas” di Campi, nel ponente di Genova, in in via Renata Bianchi, si è formata in tragedia e un ragazzo di 20 anni, Pablo Francisco Macias Trivino, abitante a Rivarolo muore. all’ospedale San Martino intorno alle 8.30, per una coltellata al petto

Un altro giovane, il 24enne Diego Armando Veliz Arcalle, è stato ricoverato al Villa Scassi di Sampierdarena per ferite alla gola, provocate da arma a taglio, però non è in pericolo di vita. Tra i feriti ci sarebbe anche una giovanissima, colpita al volto da una bottiglia e che a causa del trauma, avrebbe perso tutti i denti anteriori e subito la frattura della mascella.

Il copione, purtroppo, sempre lo stesso: un gruppo di ecuadoregni si sono sfidati a colpi di coltello e bottigliate in una sanguinosa rissa dove il ventenne ha avuto la peggio ed un altro giovane è in gravissime condizioni. Gli inquirenti ora stanno interrogando il presunto assassino Giuseppe La Venia, già sottoposto a fermo giudiziario, a cui sono arrivati su indicazioni di Veliz Arcalle, che sarebbe riuscito a dire il nome del presunto killer, prima di essere affidato alle cure dei sanitari.

L’intervento dei soccorritori della Croce Bianca è stato difficoltoso, ma soprattutto quello della polizia, che ha fatto sapere di non escludere si possa trattare di un regolamento di conti fra bande rivali, in quanto pare, appunto, che le due pandillas, fossero armati di mazze, spranghe e coltelli.. Le pattuglie della polizia, intervenute immediatamente, hanno trovato sul posto soltanto sei o sette dei partecipanti alla rissa, tutti ecuadoregni, perchè gli altri erano tutti fuggiti al loro arrivo.

La polizia, della sezione Omicidi della questura genovese sta interrogando due giovani di origine ecuadoregna che avrebbero assistito all’omicidio, i quali potrebbero fornire particolari utili alle indagini: Veliz Arcalle sarebbe riuscito a dire agli agenti il nome del presunto killer, rintracciato e sottoposto a fermo.

La discoteca, non è nuova ad episodi del genere e già in passato è stata teatro di risse, arresti e accoltellamenti, ed era stata chiusa nelle scorse settimane dal questore di Genova, Vincenzo Montemagno, con un ordine di chiusura temporanea del locale ai sensi delle leggi di pubblica sicurezza. in via Renata Bianchi.

sono stati fatti uscire nella piazza antistante dove si sono affrontate le due pandillas. Secondo quanto appreso, tutti i contendenti erano armati con mazze, spranghe e coltelli. Non è escluso che possa trattarsi di un regolamento di conti tra bande.

Sebastiano Di Mauro
23 gennaio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook