Annamaria Franzoni ai domiciliari dopo il si del giudice di sorveglianza di Bologna

Annamaria Franzoni ai domiciliari dopo il si del giudice di sorveglianza di Bologna

domiciliari-anna-maria-franzoniDopo essere stata condannata a 16 anni, scontando in cella circa 6, Anna Maria Franzoni oggi è stata ammessa alla detenzione domiciliare. Questa la decisione del Tribunale di Sorveglianza di Bologna, che ha accolto l’istanza della difesa.

La Franzoni, detenuta dal 2008 nel carcere di Bologna, sta scontando la condanna per l’omicidio del figlio Samuele avvenuto nel 2002. La stessa, da alcuni mesi godeva del regime di semilibertà, in quanto ammessa al lavoro esterno presso una cooperativa sociale di Bologna ed aveva già anche usufruito di permessi per stare a casa dal marito e dai due figli. Ora, Anna Maria Franzoni sconterà il resto della pena rimasta, circa 10 anni, a casa con i suoi familiari.

I precedenti tentativi dei legali della Franzoni per ottenere i domiciliari erano stati rigettati, perchè il sostituto procuratore generale Attilio Dardani si era opposto, dando parere contrario, perchè subordinava la concessione alla messa in atto di una psicoterapia. Il giudice si sorveglianza ha deciso per il si, considerando che la durata di questo supporto psicologico “non è stata precisata in alcun modo, e perchè il perito del Tribunale ed i consulenti tecnici sono contrari a quello che la Procura generale ha sostenuto. La difesa precisava che secondo i periti l’ipotesi di un percorso “a supporto” della Franzoni debba iniziare dopo la scarcerazione, mentre il Pg l’avrebbe voluto prima.

Sebastiano Di Mauro
26 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook