Sarà Raffaele Cantone a seguire i lavori dell’expo, travolta dallo scandalo corruzione

Sarà Raffaele Cantone a seguire i lavori dell’expo, travolta dallo scandalo corruzione

raffaele_cantone-magistrato-anticorruzioneRaffaele Cantone, capo dell’Autorità nazionale anticorruzione, è stato designato dal governo per seguire i lavori dell’Expo di Milano, dopo il terremoto giudiziario dei giorni scorsi.

La decisione di coinvolgere l’ex magistrato è del presidente del Consiglio Renzi che lo ha voluto già impegnare a suo fianco, per la visita prevista martedì a Milano, come risposta forte e decisa.

Il gvernatore di Regione Lombardia Roberto Maroni, nell’apprendere la notizia ha commentato con soddisfazione: “Bene se il governo incarica Raffaele Cantone di seguire Expo, è un magistrato capace che stimo molto, e avrà piena collaborazione”.

L’inchiesta giudiziaria ha scatenato inevitabilmente l’attenzione mondiale sulla questione corruzione e il premier dunque ha voluto a correre ai ripari con una mossa che dia sicurezza e, nel suo consueto ottimismo, ha dichiarato: “L’Italia è molto più grande delle nostre paure, è molto più bella delle nostre preoccupazioni”. Inoltre ha aggiunto: Perché l’Expo è al centro dei pensieri, un’infezione ormai aperta e visibile. La manifestazione non può fallire e non può fermarsi ancora perché all’appuntamento manca ormai un solo anno”. Concludendo: “Questo è il vero aiuto che possiamo dare al commissario. Quando ci sono grandi interventi, grandi iniziative, se ci sono delle vicende che non vanno bene, se ci sono problemi con la giustizia, si devono fermare i responsabili e non le grandi opere”

Anche Angelino Alfano, parlando da Bari, ha comnentato la decisione del premier dicendo “Mi sembra una buona idea quella di rafforzare ulteriormente il versante anticorruzione sull’Expo”.

Sebastiano Di Mauro
12 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook