Alluvione: è emergenza nelle Marche. Due i morti

Alluvione: è emergenza nelle Marche. Due i morti

alluvione-marcheIl nubifragio che si è abbattuto sulle Marche, ha colpito particolarmente Senigallia dove ha provocato due morti, decine di sfollati e tanta paura. Le precipitazioni hanno provocato allagamenti e smottamenti in quasi tutta la Vallesina, mentre esondazioni sono state segnalate in vari punti di Chiaravalle.

A seguito dell’alluvione su tutto il territorio cittadino si sono avute interruzioni dell’energia elettrica e delle linee telefoniche, mentre la viabilità della zona interessata risulta interrotta.

La situazione è tenuta sotto controllo, ma resta comunque ancora drammatica e molto difficile. La popolazione è stata invitata dal sindaco Maurizio Mangialardi a rimanere nelle proprie abitazioni e non utilizzare l’auto per evitare l’aggravarsi di richieste di aiuto.

Nel pomeriggio il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca si è recato nella zona dell’alluvione, portando solidarietà alle famiglie delle vittime e ringraziato gli uomini della Protezione civile, i Vigili del fuoco, e tutte le forze dell’ordine, i sanitari e i volontari che si stanno adoperando con grande umanità.

Gian Mario Spacca, nella circostanza ha dichiarato: “Ci sono tutte le condizioni per richiedere alla Presidenza del Consiglio lo stato di emergenza e quindi lo faremo immediatamente. Qui a Senigallia, in modo particolare, la zona industriale è stata pesantemente colpita dall’alluvione. Le attività economiche sono quindi bloccate e c’è la necessità di ripristinare al più presto queste funzioni. Nella zona interna del senigalliese alcune frazioni sono state fortemente interessate dal maltempo: in questo caso occorre ripristinare al più presto le condizioni di vita di comunità”.

Il premier Matteo Renzi, da palazzo Chigi, segue con molta attenzione l’evolversi della situazione ed è in continuo contatto con il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli. Ha inoltre chiamato al telefono Spacca per esprimere solidarietà e vicinanza alle Marche assicurando il tempestivo intervento del governo nella fase dell’emergenza.

Anche il presidente della Camera Laura Boldrini, ha espresso vicinanza alle famiglie e ai volontari per i gravi disagi provocati dal maltempo.

Sul posto stanno operando per i soccorsi più di 100 le unità dei vigili del fuoco. Sono anche presenti squadre di soccorritori acquatici con battelli pneumatici dai comandi di Ravenna, Venezia e Lucca e due elicotteri dei vigili del fuoco dei nuclei di Pescara e Bologna.

Sono stati inoltre istituiti tre punti di raccolta per i cittadini rimasti privi di alloggio o in difficoltà: Scuola materna per l’infanzia in località Cannella, il Palazzetto dello Sport di Campo Boario (Via dello Stadio, accanto allo stadio centrale), la Scuola Media Marchetti in Viale dei Gerani. Sul territorio sono presenti equipaggi delle forze di polizia e del volontariato di Protezione civile ai quali la popolazione potrà rivolgersi per richiedere soccorso.

Sebastiano Di Mauro
4 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook