“Tempesta di Natale”: l’Italia paralizzata al Nord. Morto un francese di 24 anni

“Tempesta di Natale”: l’Italia paralizzata al Nord. Morto un francese di 24 anni

maltempo_finale_ligure_natale_2013Dopo l’Europa, la “Tempesta di Natale” ha colpito L’Italia con nubifragi, venti burrascosi e abbondanti nevicate sulle zone alpine. E sulle montagne di Bardonecchia, un giovane sciatore, un francese di 24 anni è stato travolto e ucciso da una valanga. Inutili i tentativi di rianimarlo il giovane è morto in ospedale

Altra regione a registare situazioni critiche per il maltempo è la Liguria, dove resta lo stato di allerta. Si ha notizia che a Genova, una frana ha investito due condomini obbligando 50 persone a lasciarli per precauzione. Altre frane sono state segnalate in provincia di Imperia, a Borgo d’Oneglia e sulla provinciale per Montegrosso Pian Latte. Diversi sfollati la sera di Natale a Ceriana e a Sanremo.
Anche la Lombardia non è stata risparmiata e si segnalano frane nella zona del varesotto e del comasco. Un’autovettura con a bordo due ragazzi di 16 e 18 anni è stata travolta da detriti a Bellagio nella serata di mercoledì. L’auto con i due giovani è poi stata tratta in salvo dai vigili del fuoco. La terra cede in Valvarrone, nel lecchese, in Valvarrone e per precauzione 2 famoglie sono state fatte evacuare dalle abitazioni. Nel milanese il Seveso è tenuto sotto controllo per il rischio di una esondazione.

La sera di Natale, a Cortina d’Ampezzo c’è stato un black out che ha tolto elettricità a tutto il paese e la statale 36 che porta a Madesimo e al momento è bloccata, lasciando isolato Campodolcino.

Acqua alta Venezia dove è scattata l’allerta per i 115 centimetri alle 6,05 di giovedì mattina.

Mal tempo anche sulla capitale, dove un violento temporale ha investito la città, allagando diverse zone. Anche a Sud si sono registrati disagi con venti forti nel mare della Sardegna e nello Stretto di Sicilia. Situazione difficile soprattutto per via dei mari molto mossi: dal golfo di Napoli sono stati interrotti tutti i collegamenti marittimi. Mentre la Protezione civile Campania ha prorogato fino a venerdì sera lo stato di allerta.

Le previsioni, invece sono abbastanza miti, rispetto alla stagione e. in generale, al di sopra delle medie stagionali.

Domani si attende una breve tregua, ma ben presto arriverà una nuova perturbazione, che a partire da sabato porterà un po’ di piogge soprattutto al Nordovest, che poi, nella giornata di domenica, si etenderanno anche alle regioni del basso versante tirrenico.

Sebastiano Di Mauro
26 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook