Incidente stradale coinvolge il Governatore della Sicilia Crocetta: grave un uomo della sua scorta

Incidente stradale coinvolge il Governatore della Sicilia Crocetta: grave un uomo della sua scorta

FESTA DEMOCRATICA PARTITO DEMOCRATICOUn grave incidente stradale ha coinvolto stamane il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta.
L’auto sulla quale si trovava Crocetta, viaggiava sull’autostrada che collega Siracusa al capoluogo etneo, mentre lo scontro è avvenuto all’altezza dello svincolo per Cassibile.

Fortunatamente per il Governatore siciliano, non ci sono state conseguenze ed  è stato soccorso al pronto soccorso dell’ospedale Umberto I di Siracusa, e dimesso.
Uno degli agenti di scorta, Vincenzo Zerbo, 50 anni, appartenente alla polizia di stato invece è rimato ferito in modo grave. I sanitari dell’ospedale siracusano lo hanno sottoposto a tac, riscontrandogli  trauma cranico e toracico e finiti gli accertamenti medici  stato ricoverato nella divisione di Rianimazione con prosgnosi riservata.
L’altro agente di scorta, Antonio Grigoli di 41 anni, ha riportato ferite meno gravi, ma anche per lui la prognosi è riservata, ed è stato ricoverato in ortopedia per una frattura esposta alla caviglia destra.
Per l’addetto al seguito del Governatore, Giuseppe Comandatore, 52 anni, non ci sono state conseguenze gravi ed ha, solamente, riportato una serie di forti contusioni e le sue condizioni non destano particolari apprensioni.
Il presidente del Senato Pietro Grasso, appreso dell’incidente si è espersso così: “Sono davvero addolorato e preoccupato per l’incidente che ha coinvolto il presidente Crocetta e la sua scorta. In questo momento voglio stringermi attorno agli agenti rimasti coinvolti, alle loro famiglie e alla Polizia di Stato. Esprimo tutta la mia vicinanza a loro e a Rosario Crocetta. So che in questo momento i medici si stanno occupando degli uomini rimasti feriti, e aspetto con ansia aggiornamenti sul loro stato di salute”.

Sebastiano Di Mauro
22 settembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook