Delitto Yara Gambirasio: “Il killer” fa ritrovare un messaggio in chiesa

Delitto Yara Gambirasio: “Il killer” fa ritrovare un messaggio in chiesa

chiaraGambirasioProbabilmente si  tratta di un mitomane, ma la polizia l’ha presa sul serio e sta indagando sul ritrovamento nella cappella dell’ospedale di Rho di un biglietto con un messaggio del presunto Killer di Yara Gambirasio, la giovane ragazza  di Brembate di Sopra (Bergamo), il cui omicidio è ancora insoluto.
Il dirigente del commissariato Rho-Pero, nei pressi di Milano, ha dichiarato:”Faremo tutte le indagini che è necessario fare”.
Nel messaggio scritto a mano e ritrovato dal cappellano nel libro delle intenzioni della cappella dell’ospedale Salvini di Rho si legge:”da qui è passato l’omicida di Yara Gambirasio. Che Dio mi perdoni“. L’anonimo nello stesso messaggio chiedeva di informare la polizia.
Sarà il vero assassino in preda al rimorso che vuole farsi ritrovare per svuotare la coscienza oppure solamente un mitomane che, invece vuole attirare l’attenzione su di se?
Ora sul registro delle visite sono già stati eseguiti i rilievi scientifici e le impronte e le altre tracce rilevate verranno incrociate con i dati raccolti dagli investigatori e dagli inquirenti di Bergamo.
Gli inquirenti stanno anche acquisendo i filmati delle telecamere dell’ospedale, nella speranza di poter risalire a qualche elemento in più per poter stabilire se si tratti del gesto di un mitomane.
L’avvocato della famiglia Gambirasio, Enrico Pelillo, pur non sbilanciandosi, afferma:  L’importante è che non si smetta di indagare. Abbiamo il diritto di dare una risposta ad una famiglia che da mesi aspetta, in silenzio, di conoscere la verità”.

Sebastiano Di Mauro
4 agosto 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook